Combattenti assassinati a Hebron, la rabbia della folla di Gaza e le promesse di vendetta delle fazioni

Gaza – InfoPal. Le fazioni palestinesi nella Striscia di Gaza promettono di rispondere all'uccisione dei due leader delle brigate 'Ezz id-Din al-Qassam, avvenuta ieri, 8 ottobre, ad al-Khalil (Hebron).

“L'assassinio non resterà impunito”. Nel comunicato fatto pervenire ai media, le brigate al-Qassam hanno spiegato che, da lungo tempo, Israele tentava di assassinare al-Karmi, ritenuto responsabile dell'uccisione di quattro coloni israeliani lo scorso 31 agosto.

Alla condanna e alla promessa di rispondere al suo assassinio, si sono aggiunte pure le brigate al-Quds, braccio militare del Jihad islamico.

“Raduni e marce per condannare l'assassinio di Hebron”. Numerose marce e raduni promossi da Hamas si sono svolti ieri nella Striscia di Gaza a condanna dell'ultima operazione delle forze d'occupazione.

La folla ha chiesto a tutte le fazioni militari palestinesi di “unirsi e di uscire dal silenzio, di rispondere ai crimini di Israele contro la popolazione palestinese in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza”.

Al centro della rabbia della gente c'erano anche le politiche adottate dall'Autorità nazionale palestinese (Anp), che, in coordinamento con l'occupazione, reprime la popolazione palestinese. Ieri, tutti i presenti hanno chiesto alla leadership di Ramallah un ritiro totale dai negoziati.

“Porre fine al coordinamento in materia di sicurezza”. Alla marcia di Gaza era anche presente Ahmed al-Bahar, vice presidente del Consiglio legislativo palestinese (Clp) di Gaza che proprio a Mahmoud 'Abbas si è rivolto “perché dimostri coraggio e rescinda da ogni negoziato prima che sia troppo tardi”.

“La scelta di proseguire nei colloqui con l'occupante sarebbe di per sé un crimine – ha affermato al-Bahar -, in quanto significherebbe svendere e sottomettere la causa palestinese con gravissime conseguenze interne nazionali”.

“Proprio l'ultimo assassinio di Israele dimostra come termini quali 'pace' o 'negoziati', non rientrino nel dizionario politico israeliano”, ha concluso al-Bahar.

“Un messaggio al vertice arabo”. Il Jihad islamico, da parte sua, ha caricato la responsabilità dell'attacco di Hebron anche sull'Anp che avrebbe concesso la propria collaborazione in materia di sicurezza. E ha lanciato un messaggio alla Lega araba riunita a Sirte (Libia): bocciate qualunque opzione che rischi di avallare i negoziati.

I Paesi arabi sono stati sollecitati a non riporre alcuna fiducia in promesse provenienti dall'esterno, come dagli Stati Uniti.

Tutte le fazioni presenti ieri si sono impegnate a “coordinarsi contro i crimini dell'occupazione israeliana e contro la repressione dell'Anp che ogni giorno tenta di piegare la popolazione palestinese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.