Come Israele ha portato Gaza sull’orlo di una catastrofe umanitaria.

Di Avi Shlaim

The Guardian

L’unico modo per dare un senso di insensata guerra di Israele nella striscia di Gaza è attraverso la comprensione del contesto storico. La costituzione dello Stato di Israele nel maggio 1948 ha comportato una monumentale ingiustizia per i palestinesi.

I funzionari britannici erano amaramente risentiti con l’ America  per il neonato Stato. Il 2 giugno 1948, Sir John Troutbeck scrisse al ministro degli Esteri, Ernest Bevin, che gli americani erano responsabili per la creazione di uno Stato gangster, guidato da una “serie di leader assolutamente senza scrupoli”. Ero abituato a pensare che questo giudizio fosse stato espresso in modo troppo duro, ma la feroce aggressione di Israele al popolo di Gaza e la complicità in questo assalto dell’amministrazione Bush, hanno riaperto la questione.

Scrivo come persona che ha svolto il suo servizio fedelmente nell’esercito israeliano verso la metà del 1960 e che non ha mai messo in discussione la legittimità dello Stato di Israele entro i suoi confini pre-1967.

Quello che assolutamente respingo è il progetto coloniale sionista al di là della Linea Verde. L’occupazione israeliana della Cisgiordania e della Striscia di Gaza a seguito della guerra del giugno 1967 aveva ben poco a che fare con la sicurezza, tutto ciò aveva a che fare con l’espansionismo territoriale. L’obiettivo era quello di gettare le basi per la “Grande Israele” attraverso permanenti controlli politici, economici e militari sui territori palestinesi. E la conseguenza di ciò è stata una delle più prolungate e brutali occupazioni militari dei tempi moderni.
Quattro decenni di controllo israeliano ha fatto danni incalcolabili per l’economia della Striscia di Gaza. Con una vasta popolazione di rifugiati del 1948, stipati in una piccola striscia di terra, senza infrastrutture, né risorse naturali, a Gaza le prospettive non sono mai state brillanti.

Gaza, tuttavia, non è semplicemente un caso di sotto-sviluppo economico, ma un caso unico di deliberato e crudele de-sviluppo. Per utilizzare una frase biblica, Israele ha convertito la gente di Gaza, taglialegna e progettisti di canali per irrigazione, in fonte di manodopera a basso costo e mercato vincolato per le merci israeliane. Lo sviluppo dell’industria locale è attivamente ostacolato in modo da rendere impossibile per i palestinesi  porre fine alla loro subordinazione a Israele e stabilire i fondamenti economici essenziali di una reale indipendenza politica.

Gaza è un classico esempio di sfruttamento coloniale in epoca post-coloniale. Gli insediamenti ebraici nei territori occupati sono immorali, illegali e un ostacolo insormontabile per la pace. Essi sono al tempo stesso strumento di sfruttamento e simbolo dell’ odiata occupazione. A Gaza, i coloni ebrei ammontano solo a 8000 nel 2005, rispetto ai 1,4 milioni di residenti locali. Ma i coloni avevano il controllo del 25% del territorio, del 40% dei terreni coltivabili e facevano la parte del leone sulle scarse risorse idriche. Fianco a fianco con questi intrusi stranieri, la maggior parte della popolazione locale viveva in estrema povertà e miseria inimmaginabile. L’ottanta per cento di essi sopravvivono ancora con meno di 2 $ al giorno. Le condizioni di vita nella Striscia restano un affronto ai valori di civiltà, un potente attrattore di resistenza e un terreno fertile per l’estremismo politico.

Nel mese di agosto del 2005, il governo guidato dal Likud di Ariel Sharon mise in scena un ritiro unilaterale israeliano da Gaza, il ritiro tutti gli 8.000 coloni e la distruzione delle case e delle aziende agricole che avevano lasciato. Hamas, il movimento di resistenza islamica, condusse una efficace campagna per favorire l’uscita degli israeliani da Gaza. Il ritiro fu un’ umiliazione per le forze di difesa israeliane. Per il mondo, Sharon ha presentato il ritiro da Gaza come un contributo alla pace sulla base di una soluzione a due Stati.

Ma l’anno dopo, altri 12.000 israeliani si insediarono in Cisgiordania, riducendo ulteriormente le possibilità di uno Stato palestinese indipendente. Arraffare territorio e costruire la pace sono semplicemente incompatibili. Israele aveva la possibilità di effettuare una scelta ed ha scelto il territorio al posto della pace.

Il vero obiettivo sotteso allo spostamento era quello di ridisegnare unilateralmente i confini della Grande Israele, integrando i principali blocchi di insediamento in Cisgiordania all’interno dello Stato di Israele. Il ritiro da Gaza non è stato dunque un preludio ad un accordo di pace con l’Autorità palestinese, ma il preludio ad un ulteriore espansione sionista in Cisgiordania.

E ‘stata una mossa unilaterale israeliana, intrapresa, secondo quella che era una mia errata visione, per interesse nazionale. Ancorato ad un sostanziale rifiuto della identità nazionale palestinese, il ritiro da Gaza fu parte di un’ impegno a lungo termine per negare al popolo palestinese qualsiasi esistenza politicamente indipendente sulla loro terra. I coloni di Israele sono stati ritirati, ma i soldati israeliani hanno continuato a controllare tutti gli accessi alla Striscia di Gaza via terra, mare e aria. Gaza veniva trasformata di notte in una prigione a cielo aperto. 

Da quel momento in poi, la forza aerea israeliana ha potuto godere di libertà incondizionata nel lanciare bombe, nel terrorizzare gli sventurati abitanti di questa prigione assordandoli volando a bassa quota e rompendo la barriera del suono.
Israele ama dipingere se stessa come un’isola di democrazia in un mare di autoritarismo. Ma Israele non ha mai, in tutta la sua storia, fatto nulla per promuovere la democrazia verso la sua parte araba e ha fatto molto perché ciò non avvenisse. Israele ha una lunga storia di collaborazione segreta con i regimi reazionari arabi per sopprimere il nazionalismo palestinese.

Nonostante tutti gli svantaggi, il popolo palestinese è riuscito a costruire la sola vera democrazia del mondo arabo, con la possibile eccezione del Libano. Nel Gennaio 2006, elezioni libere ed eque per il Consiglio Legislativo dell’ Autorità Palestinese hanno portato al potere un governo guidato da Hamas. Israele, tuttavia, ha rifiutato di riconoscere il governo democraticamente eletto, definendo Hamas come un’ organizzazione terroristica pura e semplice.
L’America e l’Unione Europea si sono unite spudoratamente con Israele in un’ opera di ostracismo e demonizzazione del governo di Hamas nell’intento di farlo cadere ostacolandolo economicamente sia dal lato fiscale sia bloccando gli aiuti dall’estero. Una situazione surreale, quindi, concertata con una parte significativa della comunità internazionale, data dall’imposizione  di sanzioni economiche non contro l’occupante ma contro l’occupato, non contro l’oppressore, ma contro gli oppressi.

Come tante volte nella tragica storia della Palestina, le vittime sono state colpevoli delle proprie disgrazie. La macchina della propaganda di Israele ha diffuso in modo persistente l’idea che i palestinesi siano terroristi, che rifiutino la coesistenza con lo Stato Ebraico, che il loro nazionalismo sia poco più di un antisemitismo, che Hamas non sia altro che un gruppo di fanatici religiosi e che l’Islam sia incompatibile con la democrazia. Ma la semplice verità è che il popolo palestinese è fatto di persone normali con normali aspirazioni. Essi non sono migliori né peggiori di qualsiasi altro gruppo nazionale. Quello cui aspirano, soprattutto, è un pezzo di terra da considerare proprio, in cui vivere in libertà e dignità.
Come altri movimenti radicali, Hamas ha iniziato a moderare il suo programma politico dopo la sua ascesa al potere. Dall’ intransigenza ideologica della sua Carta, ha iniziato a spostarsi verso l’idea pragmatica di una soluzione a due Stati.

Nel marzo 2007, Hamas e Fatah hanno formato un governo di unità nazionale che era pronto a negoziare un cessate il fuoco a lungo termine con Israele. Israele, tuttavia, ha rifiutato di negoziare con un governo che comprendeva Hamas.
Essa ha continuato a svolgere il vecchio gioco del divide et impera tra fazioni palestinesi rivali. Verso la fine degli anni 80, Israele aveva sostenuto il settore emergente di Hamas, al fine di indebolire Fatah, il movimento nazionalista laico guidato da Yasser Arafat. Ora Israele ha cominciato a incoraggiare i corrotti e influenzabili leader di Fatah a rovesciare i loro rivali e riconquistare il potere.

Gli aggressivi neoconservatori americani hanno partecipato al sinistro complotto di istigare una guerra civile palestinese. La loro ingerenza ha costituito un fattore importante nel crollo del governo di unità nazionale e ha condotto alla conquista il potere di Hamas a Gaza nel giugno 2007 che anticipasse un colpo di stato di Fatah.

La guerra scatenata da Israele a Gaza il 27 dicembre è stata il culmine di una serie di contrasti e scontri con il governo di Hamas. In un senso più ampio del termine, tuttavia, è una guerra tra Israele e il popolo palestinese, perché è stato il popolo a volere quel partito al potere. L’obiettivo dichiarato della guerra è quello di indebolire Hamas e di intensificare la pressione fino a che i suoi leader approvino un nuovo accordo di cessate il fuoco alle condizioni di Israele. L’obiettivo non dichiarato è quello di assicurarsi che i palestinesi di Gaza vengano considerati dal mondo semplicemente come un problema umanitario e, quindi, di annullare la loro lotta per l’indipendenza e per un loro stato.

La tempistica della guerra è stata determinata dalle necessità della politica. Le elezioni generali sono previste per il 10 febbraio e, in preparazione a queste, tutti i principali contendenti sono alla ricerca di un’occasione per dimostrare la loro severità. Le alte gerarchie dell’esercito hanno voluto sferrare un colpo schiacciante ad Hamas, al fine di lavare la macchia rimasta sulla loro reputazione per il fallimento della guerra contro Hezbollah in Libano nel luglio 2006. La cinica leadership di Israele potrebbe anche contare sull’apatia e l’impotenza dei regimi arabi filo occidentali e sul cieco sostegno al presidente Bush nel crepuscolo del suo mandato alla Casa Bianca.

Bush, prontamente, ha necessariamente  attribuito tutte le colpe della crisi ad Hamas, ponendo il veto a tutte le proposte del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per un immediato cessate il fuoco con Israele e fornendo ad Israele il via libera per preparare l’invasione di Gaza via terra.
Come sempre, la potente Israele sostiene di essere la vittima delle aggressioni palestinesi, ma l’enorme asimmetria di forza tra le due parti lascia poco spazio a dubbi su chi è la vera vittima. Questo è infatti un conflitto tra Davide e Golia, ma l’immagine biblica è stata capovolta – un piccolo e indifeso David palestinese si trova ad affrontare un armato, spietato e prepotente Golia israeliano. Il ricorso alla bruta forza militare è accompagnato, come sempre, dalla retorica stridula del Robin Hood vittima e da un farraginoso miscuglio di auto-commiserazione e auto-giustificazione. In ebraico ciò è noto come la sindrome di bokhim ve-yorim, “lamentarsi e sparare”.

Sicuramente, Hamas non è una parte del tutto innocente, in questo conflitto. Rinnegato il frutto della sua vittoria elettorale e di fronte a un avversario senza scrupoli, ha fatto ricorso alle armi dei deboli – il terrore. Militanti di Hamas e della Jihad islamica hanno continuato gli attacchi col lancio di razzi Qassam contro gli insediamenti israeliani nei pressi del confine con Gaza, fino a che l’Egitto ha mediato un armistizio di sei mesi lo scorso giugno. Il danno provocato da questi razzi primitivi è minimo, ma l’impatto psicologico è immenso, tanto da indurre la popolazione a  chiedere protezione al governo. In tali circostanze, Israele ha il diritto di agire in legittima difesa, ma la sua risposta alle punzecchiature di questi attacchi è stata totalmente sproporzionata.

Le cifre parlano da sole. Nei tre anni dopo il ritiro da Gaza, 11 israeliani sono stati uccisi dal fuoco dei razzi. D’altro canto, solo nel 2005-7, l’IDF ha ucciso 1290 palestinesi a Gaza, tra cui 222 bambini.
Qualunque ne sia il numero, l’uccisione di civili è riprovevole. Questa regola vale per Israele quanto per Hamas, ma il record spetta per intero ad Israele per la sfrenata e incessante brutalità nei confronti degli abitanti di Gaza. Israele ha inoltre mantenuto il blocco dei confini a Gaza, dopo che è entrato in vigore il cessate il fuoco, cosa che, a parere del leader di Hamas, è stata pari a una violazione dell’accordo. Durante il cessate il fuoco, Israele ha impedito che alcun tipo di merce venisse esportata dalla Striscia in palese violazione di un accordo del 2005, determinando un forte calo in opportunità di lavoro. Ufficialmente, il 49,1% della popolazione è disoccupato. Allo stesso tempo, Israele ha limitato drasticamente il numero di camion che trasportano a Gaza cibo, combustibile, gas da cucina, pezzi di ricambio per impianti idrici e servizi sanitari e forniture mediche. E ‘difficile da capire come la fame e il congelamento dei civili di Gaza potrebbe proteggere le persone sul lato israeliano del confine. Ma anche se lo facessero, sarebbe comunque immorale, una forma di punizione collettiva che è severamente proibito dal diritto internazionale umanitario.

La brutalità dei soldati di Israele è pienamente compensata dalla menzogna del suo portavoce. Otto mesi prima di lanciare la guerra in corso a Gaza, Israele ha istituito una Direzione nazionale di informazione. La sostanza dei messaggi forniti da questa direzione ai media sono che Hamas ha rotto gli accordi del cessate il fuoco; che l’obiettivo di Israele è la difesa della sua popolazione e che le forze di Israele stanno adottando la massima attenzione per non colpire i civili innocenti. Il ricambio effettuato da Israele nell’uso dei medici è stato di notevole successo nella trasmissione di questo messaggio. Ma, in sostanza, la loro propaganda è una confezione di menzogne.
Un ampio divario separa la realtà delle azioni di Israele dalla retorica dei suoi portavoce. Non è stato Hamas, ma l’IDF che ha rotto il cessate il fuoco. E’ successo a Gaza in un raid, il 4 novembre, in cui sono stati uccisi sei uomini di Hamas. Obiettivo di Israele non è soltanto la difesa della sua popolazione, ma l’eventuale caduta del governo di Hamas a Gaza spingendo la popolazione contro i loro governanti. E lungi dal prendersi cura di risparmiare i civili, Israele è colpevole di bombardamenti indiscriminati e di un triennio di embargo che ha portato gli abitanti di Gaza, ora 1,5 milioni, alle soglie di una catastrofe umanitaria.

Il precetto biblico “occhio per occhio” è abbastanza selvaggio. Ma la folle offensiva di Israele contro Gaza sembra seguire la logica di un occhio per un ciglio. Dopo otto giorni di bombardamenti, con un numero di morti di oltre 400 palestinesi e quattro israeliani, l’Alto comando militare ha ordinato l’invasione di Gaza via terra, le cui conseguenze sono incalcolabili. Nessun incremento nell’escalation militare consente ad Israele di acquisire l’immunità dagli attacchi missilistici dell’ala militare di Hamas. Nonostante tutte le morti e la distruzione che Israele ha inflitto su di loro, hanno mantenuto la loro resistenza, ed hanno continuato a sparare i loro razzi. Si tratta di un movimento che glorifica il sacrificio e il martirio. Semplicemente non c’è alcuna soluzione militare al conflitto tra le due comunità. Il problema del concetto di sicurezza di Israele è che essa nega anche la più elementare sicurezza per le altre comunità. 

L’unico modo per raggiungere la sicurezza per Israele non è attraverso le armi, ma attraverso i colloqui con Hamas, che ha più volte dichiarato la sua disponibilità a negoziare un cessate il fuoco a lungo termine con uno Stato ebraico definito all’interno dei suoi confini ante 1967 per 20, 30 o anche 50 anni. Israele ha respinto la proposta per la stessa ragione per cui ha rifiutato con disprezzo il piano di pace della Lega araba del 2002, che è ancora sul tavolo: si tratta di concessioni e compromessi.

Questo breve resoconto della storia di Israele degli ultimi quattro decenni rende difficile resistere alla conclusione che essa sia diventata uno Stato canaglia, con un “serie di leader assolutamente senza scrupoli”. Uno Stato canaglia abitualmente viola il diritto internazionale, possiede armi di distruzione di massa e pratica il terrorismo – l’uso della violenza contro i civili a fini politici. Israele soddisfa tutti questi tre criteri, il berretto si adatta e si deve indossare. Per Israele il vero obiettivo non è la convivenza pacifica con i suoi vicini palestinesi, ma la dominazione militare. Ciò produce la ripetizione degli errori del passato con altri nuovi e più disastrosi. I politici, come chiunque altro, sono ovviamente liberi di ripetere le menzogne e gli errori del passato. Ma non è obbligatorio farlo.

Avi Shlaim ha prestato servizio nell’esercito israeliano ed è professore di relazioni internazionali presso l’Università di Oxford. Autore di The Iron Wall: Israele e il mondo arabo e del Leone di Giordania: la vita di re Hussein in Guerra e Pace.

Articolo pubblicato su http://www.guardian.co.uk/world/2009/jan/07/gaza-israel-palestine il 7 Gennaio 2009 e tradotto dall’ISM.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.