Comitato governativo palestinese tenta di portare Israele davanti ad un tribunale

Gaza – Infopal. Un comitato governativo palestinese ha reso noto di essere intenzionato ad avviare un procedimento giudiziario per condurre le autorità carcerarie israeliane davanti alla giustizia.

L'accusa: “Le violazioni contro detenuti e prigionieri palestinesi sparsi tra 25 centri di detenzione e d'indagine e prigioni israeliani. Saranno avanzate accuse per crimini di guerra”.

Si tratta del Comitato Nazionale Supremo a difesa dei prigionieri del Ministero per gli Affari dei prigionieri della Striscia di Gaza.

Oggi, 24 giugno, l'organo ha comunicato ad InfoPal di aver terminato la raccolta di casi e della relativa documentazione che prova le numerose violazioni di Israele contro i prigionieri palestinesi.

Nella dichiarazione del Comitato si è tenuto a precisare che l'iter avviato a partire da oggi è in piena conformità con le disposizioni della legislazione internazionale.

“La volontà del Governo palestinese in difesa dei connazionali detenuti è proprio quella di condurre in tribunale i responsabili israeliani, dai leader politici alle forze esecutive (polizia e ufficiali carcerari israeliani). Si mira ad un apposito Tribunale Penale Intenzionale”.

Dopo questo, il Comitato continuerà a monitorare e a raccogliere i casi di violazioni israeliane contro detenuti e prigionieri palestinesi.

Ad oggi, ci sono 8.000 palestinesi nelle carceri israeliane, tra cui numerose donne e bambini, e decine sono quelli che hanno già trascorso oltre vent'anni in prigione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.