Conferenza di Istanbul, Qaradawi: ‘Il sostegno ai diritti palestinesi è un obbligo, non un favore’.

Istanbul, sabato 23 maggio.

Ieri, Sheikh Yousef al-Qaradawi, nota figura religiosa e intellettuale musulmana, intervenendo alla Conferenza internazionale: 'Verso un sostegno continuo alla Palestina', organizzata a Istanbul, in Turchia, ha sollecitato “tutti i sostenitori dei diritti palestinesi a unire i propri sforzi” e ha sottolineato che “il sostegno alla Palestina è un dovere e non un favore”.

“Dovremmo riunire insieme tutti coloro che sostengono la causa palestinese – ha affermato Qaradawi -, da Est a Ovest, sia arabi, musulmani, cristiani, personalità internazionali, istituzioni, se vogliamo che essa vinca la battaglia contro l'occupazione”.

Qaradawi ha poi invitato le fazioni palestinesi a porre termine alle divisioni e a far fronte comune contro il comune nemico, l'occupazione israeliana, e ha sottolineato la costante minaccia rappresentat dall'ebraicizzazione di Gerusalemme Est e dei suoi luoghi sacri, sollecitando il sostegno permanente dei musulmani e degli arabi alla resistenza palestinese. .

“Il sostegno arabo e musulmano alla Palestina non rappresenta né un dono né una questione personale, piuttosto è un obbligo e un dovere religioso che ogni musulmano e arabo è tenuto a compiere. Dunque, noi vogliamo che il sostegno alla Palestina sia permanente e non intermittente. Dovremmo mantenere viva la resistenza palestinese e proteggerle le spalle”.

La Conferenza internazionale, che si conclude oggi, ospita altre figure di rilievo, come shaikh Raed Salah, leader del movimento islamico nei Territori del '48, padre Manawil Musallam, ex arcivescovo di Gaza, e altre 500 personalità del mondo politico e intellettuale europeo, arabo e musulmano.


………………..

Istanbul, venerdì 22 maggio

Conferenza di Istanbul: 'Verso un sostegno continuo alla Palestina'.

Si sono aperti questa mattina a Istanbul, in Turchia, i lavori della “Conferenza democratica internazionale” intitolata 

“Verso un sostegno continuo della Palestina”.

L'evento si concluderà domani, 23 maggio.

Comunicato stampa.
 
Dalla brutale aggressione sferrata dal regime sionista contro il popolo di Gaza (27 dicembre 2008) in poi, Israele non ha mai smesso di commettere crimini di guerra, violare i diritti umani, uccidere bambini (centinaia finora hanno perso la vita), uomini e donne, e distruggere le infrastrutture della città. L’atteggiamento storicamente indulgente, indefinito e colpevole che è stato riscontrato a livello arabo, islamico e internazionale ha meravigliato chiunque, e questo ci ha assegnato la doppia responsabilità storica, sia come individui che come istituzioni, di abbracciare questo movimento, e di dirigere collaborazioni e progetti costantemente a sostegno della causa palestinese e del rafforzamento della lotta del popolo palestinese per la riconquista dei diritti usurpati, della terra sottratta e dei luoghi di culto dissacrati.

Fondatori
 

Lunedì 2 marzo 2009, nello stato del Kuwait, si è tenuta una riunione consultiva dei fondatori, ovvero:

·         l’Unione internazionale degli studenti musulmani

·         la Conferenza nazionale dell’Islam

·         il Comitato internazionale per il sostegno della Palestina e la rottura dell’assedio di Gaza

·         la turca IHH (Fondazione per i diritti umani, le libertà e il conforto umanitario)

·         la Campagna globale contro le aggressioni

·         la Pro-Palestina, del Bahrayn

·         il Congresso nazionale arabo

·         il Forum globale dei parlamentari islamici

·         la General vidar Turkey

·         la Fondazione internazionale per Gerusalemme

·         il Comitato per il sostegno di emergenza e la Federazione dei medici arabi

·         l’Assemblea dell’alleanza per la Palestina

·        la Society journal, kuwaitiana

Conferenza-progetto

La conferenza includerà una serie di eventi popolari e di laboratori che coordineranno i lavori degli organi specializzati nell’ambito del supporto alla stabilità dei palestinesi e dell’apertura dei passaggi di frontiera, dell’azione legale e giuridica contro lo stato sionista e del lancio di campagne mediatiche e di pubbliche relazioni in Europa, negli Usa e nel resto del mondo, del boicottaggio d’Israele e della ricostruzione di Gaza, dello sviluppo dell’istruzione in Palestina e del coordinamento dei mezzi di comunicazione, più altre questioni da stabilire.

Obiettivi della Conferenza

·        mobilitare le forze della società civile insieme all’Alleanza di solidarietà col popolo palestinese e la ricostruzione di Gaza

·        coordinare e sostenere gli sforzi dei comitati e degli enti attivi nel sostegno e nella difesa del potenziale (politico, mediatico, legale e di sviluppo) e dei finanziamenti rinvenibili nella Striscia

·        lanciare progetti in settori multipli collegati alla Palestina e alla ricostruzione di Gaza

Temi della Conferenza

1.      la rottura dell’assedio e la pressione da esercitare per l’apertura dei passaggi

2.      l’informazione globale sulla questione palestinese, e in particolare l’opinione pubblica contraria in Europa e America (nelle documentazioni, nella diffusione, nelle pubblicazioni, nella comunicazione e nelle pubbliche relazioni)

3.      la costruzione e lo sviluppo: le direttrici dei finanziamenti e dello sviluppo della società palestinese e della ricostruzione di Gaza

4.      il boicottaggio e l’opposizione: mobilitazione del popolo e dei governi

5.      l’evidente violazione delle convenzioni internazionali e dei diritti umani da parte d’Israele secondo i pacifisti e le numerosissime organizzazioni umanitarie, che ritengono che tali crimini richiedano impegno politico, coordinamento e transfer di esperienze, oltre che un ricorso legale alla giustizia internazionale

6.      la solidarietà, la cooperazione e la mobilitazione dell’opinione pubblica internazionale

7.      la mobilitazione immediata degli sforzi umanitari per lo sviluppo di Gaza e della Palestina

8.      la coordinazione delle produzioni media professionali a sostegno della Palestina per informare sui crimini israeliani

 
 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.