Continua per il terzo giorno consecutivo la guerriglia interna palestinese. Oggi: 2 morti e 30 feriti negli scontri tra sostenitori di Hamas e Fatah, a Rafah.

Dal nostro corrispondente.

Mentre altri missili israeliani cadono sulla Striscia di Gaza, nuovi scontri sono scoppiati questa notte, a Rafah, nel sud della Striscia, tra sostenitori di Fatah e membri di Hamas, causando la morte di due palestinesi e il ferimento di altri 30.

Testimoni oculari hanno raccontato che i feriti sono stati colpiti dal fuoco di simpatizzanti di Fatah che marciavano con 200 combattenti delle Brigate Al-Aqsa affiliati al movimento.

E hanno aggiunto che tra i feriti, 3 sono sostenitori del movimento Hamas e 4 di Fatah.

Le vittime sono Ramiz Hasanin, 24 anni, uno dei membri della Forza Esecutiva; e il cittadino Aiman Abu Samhdanah, 31 anni.

Hamas ha diffidato coloro che pensano di fare un golpe contro il governo avvertendoli che ciò "non rimarrà senza reazione" e che "la pazienza ha un limite". Ha inoltre condannato "le strategie che mirano a seminare odio, a colpire l’ordine politico e sociale, e a rifiutare la collaborazione con il governo". E ha riaffermato l’appoggio al ministro degli Interni. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.