Continuano i raid dell’aviazione israeliana sulla Striscia Gaza: uccisi 8 palestinesi. Decine i feriti

Gaza – InfoPal. Questa mattina all'alba, l'aviazione da guerra israeliana ha eseguito una serie di attacchi aerei contro diversi obiettivi nella Striscia di Gaza: un bambino è rimasto ucciso, mentre 17 altri cittadini, tra cui donne e bimbi, sono stati feriti.

Il nostro corrispondente ha affermato che F16 israeliani hanno bombardato l'abitazione della famiglia di Abu Samra, nei pressi del campo profughi di ash-Shati, uccidendo Mahmoud 'Atif Abu Samra, di 13 anni.

Attacchi aerei hanno colpito varie aree della Striscia di Gaza, distruggendo edifici e provocando feriti.

Elicotteri Apache hanno lanciato due missili verso un'area militare di Gaza, a Beit Lahiya, e un altro nei pressi di Khan Younis.

La popolazione della Striscia sta vivendo ore di terrore, a seguito di bombardamenti che continuano da ieri. In un attacco contro una casa appartenente al dirigente dei Comitati di resistenza popolare, Khaled Shaath, ucciso sul colpo, è morto anche il figlioletto Malik, di due anni.

Altri quattro membri del Crp sono stati uccisi: Abu Awad Nayrab, Imad Hamad, Abu Jamil Shaath e Khaled Masri. Il governo israeliano ha affermato che tre di questi militanti erano coinvolti nell'attacco di Eilat, ma nel pomeriggio, la dirigenza del Crp ha negato ogni responsabilità nell'attentato.

In tarda mattinata, anche il campo profughi di an-Nuseirat era sotto bombardamento aereo.

Nel pomeriggio, un attacco aereo contro la zona orientale di Gaza City ha ucciso un altro palestinese, l'ottavo da ieri: si tratta di un giovane di 22 anni, secondo fonti dell'ospedale ash-Shifa di Gaza. 

Altre due persone sono state ferite in un attacco missilistico che ha colpito un edificio.

I bombardamenti fanno seguito agli attacchi di Eilat, che Israele attribuisce a palestinesi di Gaza, ma fino ad ora dalla Striscia arrivano solo smentite, mentre l'aviazione sionista continua a mietere vittime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.