Continui attacchi delle autorità israeliane a Silwan e Shaykh Jarrah

Al-Quds (Gerusalemme) – Pal-InfoProsegue ininterrotta la politica israeliana di esproprio dei palestinesi gerosolimitani a Silwan (al-Quds/Gerusalemme). 

Questa volta, l'esercito israeliano ha occupato un edificio composto da una moschea e dalle abitazioni di sette famiglie palestinesi nel quartiere di Batn al-Hawa'. 

Un ordine militare è stato emesso espressamente per amministrare questo caso; lo strumento “legale” israeliano avrà validità fino al 08/05/2011 mentre i residenti palestinesi – ai quali è stato vietato costruire – avranno 14 giorni di tempo per presentare appello alla giustizia israeliana. Dopodiché, l'edificio sarà abbattuto. 

A pochi mesi dalla visita a Silwan del ministro israeliano per la Sicurezza interna, la superficie del sito è stata trasformata in caserma militare. Proprio da quella visita, gli scontri contestuali agli attacchi di soldati e forze dell'ordine israeliani, si sono intensificati. 

I militari hanno lanciato un avvertimento ai residenti palestinesi di Silwan, come anche a coloro che abitano in un altro quartiere gerosolimitano a rischio di totale “pulizia etnica dei palestinesi”, Shaykh Jarrah, a Gerusalemme est. 

“Non oltrepassare la linea delle istigazioni”, è stato detto ai palestinesi di Gerusalemme. 

Entrambe le aree gerosolimitane sono al centro di intense operazioni di demolizione e di espulsione dei legittimi proprietari palestinesi tanto da aver definito il 2010 “anno record” della politica di espropri israeliana. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.