Convoglio umanitario ‘Amal’: le autorità egiziane vietano il passagio via terra

Tripoli – InfoPal. Le autorità egiziane impediscono al convoglio umanitario 'Amal' (speranza) di entrare nella Striscia di Gaza via terra.

Il convoglio giunto dalla Gran Bretagna, sarebbe dovuto partire dalla Libia, ma ora, date le circostanze delle ultime ore, potrebbe essere indirizzato verso il porto egiziano di al-'Arish.

Gli operatori umanitari stanno cercando delle alternative con i funzionari egiziani.

Il convoglio era rimasto fermo per otto giorni a Tobruk, in Libia e ora potrebbe dover fare marcia indietro fino al porto di Bengasi da dove essere imbarcato verso al-'Arish.

Nell'attesa, si sta valutando la possibilità che ad Amal, si aggreghino altri camion umanitari allestiti da comitati popolari e organizzazioni no-profit libici, con “Gerusalemme5”.

Amal è composta da 300 internazionali, europei ed arabi guidati dall'attivista per i diritti umani Kain O'Keeffe.

160 vetture aspettano il permesso di transito dalle autorità egiziane.

Materiale per le scuole, vestiario e computer, medicinali, ma anche attrezzature antincendio e per la sicurezza di ultima generazione destinate alla protezione civile di Gaza che riceverà istruzioni sull'utilizzo da personale internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.