Convoglio umanitario verso Gaza: cambio di rotta per gli aiuti dal Maghreb

Algeri – InfoPal. La partenza del convoglio terrestre organizzato dai paesi del Maghreb, prevista per oggi dall'Algeria, è stata posticipata al mese prossimo per via aerea: lo ha riferito 'Abdel Razeq Maqri, membro del Comitato popolare e coordinatore delle commissioni congiunte dei paesi maghrebini per l'organizzazione della spedizione.

Maqri chiarisce le ragioni al giornale algerino ash-Shuruq: “Il mancato rispetto degli accordi da parte della Libia che  aveva garantito la partenza dalle sue coste in direzione del porto siriano di Latakia o verso quello egiziano di al-'Arish”.

Ora, il Comitato popolare algerino ha optato di raggiungere Damasco in aereo mentre il convoglio arriverà a Latakia via terra. Nel giro di poche ore, alla delegazione algerina si uniranno le altre coalizioni arabe ed europee.

L'attivista algerino ha inoltre rivelato che l'Algeria ha raggiunto l'obiettivo prefissato dal Comitato popolare per quanto riguarda sia il numero dei mezzi coinvolti – che era stato fissato a cinquanta, includendo automobili, ambulanze ed autobus – che la composizione del carico, che comprende attrezzi per la scuola, apparecchi medici, generatori di corrente e materiali vari. Lo stesso Maqri, che è partito ieri per la Turchia dove parteciperà ad un'assemblea dei coordinatori delle commissioni organizzatrici dei convogli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.