Crisi scorte medicinali: a Gaza nasce Comitato per l’emergenza

Gaza – InfoPal. La crisi nelle scorte dei medicinali nella Striscia di Gaza ha raggiunto un livello talmente acuto che, dopo i vari appelli lanciati al mondo, le realtà sociali di Gaza hanno deciso la formazione di un Comitato speciale preposto a formulare una soluzione immediata.

Dell'organo neo-costituito faranno parte associazioni locali, organizzazioni dei diritti umani, una rappresentanza dell'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) e altre realtà impegnate nel settore medico-sanitario.

Il Comitato dovrà anche affrontare le discussioni sorte tra il governo di Gaza e quello di Ramallah in merito all'erogazione delle risorse al settore sanitario e alla distribuzione di medicinali a Gaza.

Il ministero della Striscia di Gaza aveva lanciato numerosi appelli: “L'Autorità nazionale palestinese (Anp) non rispetta, come accordato, la distribuzione di risorse e medicinali”. Da Ramallah, si accusava la dirigenza di Hamas di aver posto sotto sequestro molti di questi medicinali e attrezzature.

Il Comitato dovrà riuscire ora a far prevalere gli interessi per la salvaguardia della vita dei pazienti sulle faziose discussioni di natura politica.

Ad aggiornare sull'iniziativa il governo di Ramallah ci ha pensato 'Eyyad Sarraj, presidente del “Gaza  Community Mental Health Program – Gcmhp”, il quale, in una comunicazione scritta rivolta al ministro della Salute di competenza in Cisgiordania, Fathi Abu Maghli, ha fatto luce sugli sconfortanti dati delle scorte di medicinali di cui si dispone nel territorio palestinese assediato.

“Nei magazzini di Gaza ci sono 161 categorie di medicinali di base, ma altri 144 mancano e si tratta di farmaci fondamentali”. Sarraj ha pure tracciato un quadro psicologico dei malati e sofferenti di Gaza che non riescono a curarsi, definendone lo stato “frustrante”.

Al fine di superare la crisi tra le due entità territoriali palestinesi, il presidente di Gcmhp ha proposto la formazione di un comitato composto dalle rappresentanze del ministero della Salute di Ramallah, da un responsabile dei magazzini di Gaza, da un esponente delle Ong e dell'Oms e da una personalità palestinese indipendente, proponendo Riyad az-Zanoun, ex ministro della Salute.

Articoli correlati:
Gaza sull'orlo di una catastrofe umanitaria: emergenza medicinali e attrezzature mediche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.