Da Cameri a Vicenza: avanza un’economia di guerra.

Da www.missioniconsolataonlus.it/

Da Cameri a Vicenza: avanza un’economia di guerra

Mercoledì 7 febbraio, il sottosegretario alla Difesa, Lorenzo Forcieri, ha sottoscritto a Washington con il suo omologo statunitense Gordon England il “memorandum” che sancisce l’adesione dell’Italia al programma di sviluppo dei nuovi aerei da combattimento Joint Strike Fighter 35 (JSF35), questa firma rappresenta di fatto il primo passo per l’installazione della linea d’assemblaggio dei futuri caccia, presso la base militare di Cameri in provincia di Novara. Vale la pena ricordare alcuni dati per inquadrare meglio il problema nella sua essenzialità: i caccia JSF35 sono bombardieri da guerra aerea, trasportatori di bombe e potenziali trasportatori di testate nucleari. Costeranno ai cittadini italiani da 150 a 250 milioni di euro l’uno (totale da 20 a 30 miliardi di euro per un’ordinazione prevista di 131 velivoli!). Si tratta di un progetto costosissimo (il nostro paese ha già versato un miliardo di euro per entrarci) che allontana l’Italia da un quadro di riferimento europeo e la lega alle scelte e alla tecnologia made in USA e alle politiche del Pentagono e che stona vistosamente con le attuali esigenze di contenere la spesa pubblica. Con una commessa così corposa l’Italia si consolida al 7° posto nel mondo per spese militari con una spesa annua pro capite di 484 dollari. Da tempo la faccenda era sul tappeto; diverse e abbastanza variegate erano le prese di posizione che si fronteggiavano su questo tema; all’interno del mondo politico locale c’erano divergenze di vedute come affrontarlo. Nei mesi scorsi erano stati indetti a Novara diversi incontri organizzati dal tavolo di lavoro “Cacciabombardieri a Cameri: quale futuro?” promosse da un raggruppamento di persone contrarie a questa prospettiva e che, si sono date da fare per far conoscere il problema ad un auditorio più vasto. Qualcun altro pur accettando la logica della difesa, faceva notare che accollandosi costi per gli JSF35 si sarebbero tolte risorse, al programma Eurofighter che impegnava già l’Italia dentro un sistema di difesa europeo, ponendo il dubbio se fossero proprio necessari due sistemi di difesa pressoché simili?
La commissione diocesana Giustizia e Pace interpellata da questo segno dei tempi, si pose il problema di come leggere ed interpretare questa situazione alla luce del Vangelo e del Magistero della Chiesa, sollecitati in tal senso anche dal messaggio del Papa per la Giornata Mondiale per la Pace 2007, dove veniva affermato che la persona è il cuore della pace, per cui dopo attenta riflessione, si è identificata nella linea della condanna alla corsa agli armamenti da parte del Magistero, l’approccio più significativo a questo tema, da li è partita una ricognizione dei testi, a partire dalla Pacem in Terris e dal Concilio Vaticano II che evidenziassero come la corsa agli armamenti sia una vera sciagura per l’umanità. Le stroncature Pontificie e Magisteriali sotto questo aspetto sono ineccepibili. Certo, ci possono essere punti di vista e approcci diversi sull’argomento, si può vedere l’intera questione sotto l’aspetto occupazionale, oppure dello sviluppo tecnologico, ma la Commissione Diocesana ha preferito leggere questo fatto ponendosi dal punto di vista dei poveri e degli ultimi, un aspetto questo sottolineato con vigore e posto in risalto da vari giornali cattolici (vedi i servizi di Famiglia Cristiana e del Nostro Tempo di Torino).
A seguito di questa nota riflessiva la Commissione Regionale della Pastorale del Lavoro (in cui confluiscono le varie commissioni Giustizia e Pace piemontesi) presieduta da Mons. Fernando Charrier, vescovo di Alessandria, dopo un’attenta valutazione, ha emesso un comunicato, sottoscritto anche da Mons. Tommaso Valentinetti, presidente di Pax Christi Italia, nella quale si metteva ancor più in risalto la contrarietà a questo progetto. La risonanza mediatica è stata enorme, tanto da guadagnare la prima pagina dei più autorevoli quotidiani nazionali. Immediata è stato anche il commento del mondo politico-economico novarese, il Centro destra profondendosi in premesse ossequiose verso il Magistero dei Vescovi concludeva all’unisono che un conto sono i sani princìpi cattolici che i Vescovi hanno il dovere di richiamare, un altro…gli affari!!! Pertanto un’occasione così ghiotta era da prendere al volo. I politici cattolici del Centro sinistra, tranne il senatore Bobba (vercellese, sic!), assumevano un prudente silenzio, eloquente nella forma ma profondamente equivoco nella sostanza. In ogni caso non sono mancate altre sottolineature provenienti dal mondo industriale novarese, favorevoli all’assemblaggio degli JSF35 a Cameri;
Daltro canto settori sempre più vasti del mondo cattolico e non, dei missionari e di gruppi e movimenti locali esprimevano tutta la loro contrarietà. Le lettere e le e-mail giunte da ogni parte del mondo alla Commissione Diocesana Giustizia e Pace, ne sono la prova più evidente, Vescovi, sacerdoti e laici, hanno fatto arrivare la loro disapprovazione ed il loro disgusto per una faccenda come questa, che farà aumentare i profitti delle azioni di chi ha investito nelle Banche armate, che farà felici le amministrazioni locali che vedono all’orizzonte profilarsi nuovi posti di lavoro, che farà contenti i teo-con in salsa nostrana, sempre in prima linea ad alzare la loro voce contro l’aborto e l’eutanasia, ma latitanti da tempo sul tema della Pace e poco propensi a confrontarsi con chi ha avuto le loro case bombardate e i loro cari uccisi da questi gioielli della tecnica che garantiscono salari, tredicesima e panettoni a Natale alle maestranze del Primo Mondo pasciutamente inquieto di fronte agli sconvolgimenti planetari in atto e morte, rovine e distruzioni a chi non conta.
Queste voci (di cui allego testimonianza) sono la voce di chi non ha voce, sono la coscienza dei poveri del Sud del mondo che chiedono Pace e Giustizia ma soprattutto sono le grida di chi chiede di vivere una vita degna di questo nome: il vescovo di Kirkuk in Irak, i sacerdoti che hanno scritto dal martoriato Libano dove le bombe sono di stretta attualità, i missionari che lavorano nelle più sperdute e povere zone dell’Africa, Dom Adriano Ciocca Vasino, vescovo missionario novarese da una vita impegnato al fianco dei più derelitti del Sertão brasiliano e tanti altri hanno scritto tutto il loro disappunto sulla decisione di proseguire sulla corsa agli armamenti. Tra le tante lettere ci piace soffermarci su una in particolare, inviata da don Gianni Sacco (missionario in Brasile) che nella sua stringatezza, ci sembra esprima meglio di ogni altra l’assurdità di quest’operazione, scrive don Gianni: “se gli aerei vengono fatti e non utilizzati, visto il costo esorbitante, è uno spreco folle di denaro, se vengono utilizzati (guarda caso aggiungiamo noi, il più delle volte su obiettivi civili) creeranno distruzione e morte, per questo ripugnano la coscienza e non possono essere accolte a cuor leggero.
Per concludere, un’amara considerazione personale: come per la TAV in Val di Susa o come l’ampliamento della base Americana di Vicenza ci viene imposto di essere sudditi e non cittadini consapevoli e protagonisti nelle scelte essenziali che toccano la nostra vita, ancora una volta il popolo della pace viene dileggiato e deriso, ancora una volta constato di essere dalla parte dei vinti, dalla parte di chi non conta nulla, ancora una volta prendo atto che i poteri forti, soprattutto le lobby degli armamenti, consolidano e rafforzano i loro interessi, ancora una volta osservo cattolici doc e atei devotissimi che mentre si inchinano deferenti ai valori del Magistero strizzano l’occhio agli indici di Borsa infischiandosene dei poveri del mondo, ancora una volta il sogno biblico di trasformare le spade in vomeri e lance in falci, viene bollato come utopia infantile da lasciare agli ingenui e sprovveduti cattocomunisti di turno, ancora una volta mi ritrovo perdente di fronte a chi con troppa arroganza dichiara di sapere cosa sia veramente il bene ed il male e quale siano le decisioni più appropriate da prendere per difendere i “nostri interessi”. Ancora una volta sono un perdente! Qualche settimana fa fu ospite nostro il Cardinale hondureño Rodriguez Maradiaga, il quale con un linguaggio secco e preciso, lontano anni luce dal paludato curialese nostrano ha ricordato che il crimine più grande che l’Occidente commette ogni giorno nei confronti del Terzo Mondo, oltre a quello di impoverire intere popolazioni, sfruttarne le loro ricchezze e appropriarsi delle loro economie attraverso il controllo di organismi internazionali (vedi Fondo Monetario Internazionale e simili) è quello di aver distrutto nelle coscienze dei poveri la possibilità di sognare; di sognare un mondo nuovo, una vita migliore per loro e per i loro figli alimentando così una rabbia crescente nei nostri confronti. E dalla rabbia dei poveri ci dicono i benpensanti, bisogna difendersi! Quindi ben vengano gli SJF35 a Novara a darci sicurezza, tranquillità e lavoro.

Don Mario Bandera
Responsabile Diocesi di Novara
Commissione Giustizia e Pace.
Novara, 14 febbraio 2007


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.