‘Dal popolo “deicida” allo Stato genocida’.

Di Pietro Ancona – da Al-Awda – Italia

Gli ebrei sono stati perseguitati per secoli dalla Chiesa e dagli
Stati Cristiani come popolo deicida. Sofferenze inanerrabili subite
ingiustamente. Ma da quando hanno Israele sono diventati uno Stato
genocida. Cosi come gli antesemiti non consideravano esseri umani
titolari di diritti gli ebrei, oggi gli ebrei ritengono giusto e
necessario uccidere i palestinesi dal momento che calpestano una terra
che loro ritengono sia stata promessa da DIO al popolo eletto.

I massacri palestinesi che Israele organizza periodicamente non
avevano mai toccato l’intensità di questa ultima aggressione alla
striscia di Gaza. E’ come se la certezza dell’impunità

, l’accordo
scellerato con l’Egitto, la protezione dell’Impero abbiano reso più
tracotante, più assassina, più incurante dello scandalo e dal
raccapriccio che procura in chi vede.

I massacri sono volti ad annullare la possibilità della costituzione
di uno Stato palestinese. Vengono sistematicamente uccisi tutti i
quadri dirigente anche della società civile e ridotte in macerie tutte
le infrastrutture a cominciare dalle scuole.

Questo massacro indica una sola cosa: la liquidazione della
palestina indipendente espressa da Hamas e la creazione di un
protettorato in gisgiordania con la benedizione della Clinton e di Obama
ai quali Bush sta facendo il lavoro sporco. Protettorato e basta anche
se sarà chiamato con un nome pomposo.

Quando sento parlare di scontro di civiltà, mi stupisco sempre della
capacità di creare menzogna di scrittori, massmedia, uffici di
disinformazione. Ma quale scontro di civiltà c’è con l’Islam quando la
stragrande maggioranza degli stati arabi si fa i fatti fuori ed assiste
ompassibile al genocidio dei palestinesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.