Dalla Lombardia: Solidarietà al popolo palestinese. Fermare l’aggressione israeliana.

Da laltralombardia@laltralombardia.it 

SOLIDARIETA’ AL POPOLO PALESTINESE

FERMARE L’AGGRESSIONE DELLO STATO SIONISTA ISRAELIANO

Il mondo appare assuefatto alle scene dell’esercito israeliano che aggredisce e brutalizza la popolazione palestinese.

La disattenzione più o meno generalizzata della comunità internazionale favorisce la politica di aggressione dello stato d’ Israele appoggiato dagli USA.

L’invasione della striscia di Gaza, i bombardamenti della centrale elettrica di Gaza, gli assedi alla popolazione civile e le punizioni collettive sono, ai sensi dell’art 54, 1° protocollo aggiuntivo degli accordi di Ginevra del 1977, dei crimini di guerra e vanno ad aggravare una situazione già di per sé intollerabile a causa della politica imperialista dei sionisti israeliani che ha l’obiettivo di stroncare il legittimo governo palestinese eletto democraticamente nel gennaio 2006.

L’offensiva di Gaza ed il rapimento dei leader politici ed amministrativi del governo palestinese era pianificata da tempo e le reazioni seguite al rapimento del soldato israeliano sono solo un pretesto per liquidare la resistenza palestinese e per creare le condizioni militari e politiche per aggredire ed invadere la Siria e l’Iran, che sono il vero obiettivo strategico di Israele e degli USA.

Va ricordato che il rapimento del militare israeliano avviene a seguito degli assassinii, nell’ultimo mese e mezzo, di oltre 90 palestinesi, tra cui molti bambini, e quindi si può configurare come un legittimo atto di resistenza. Per cui è politicamente comprensibile che le formazioni armate palestinesi abbiano proposto uno scambio fra il militare ed un consistente numero fra le migliaia di detenuti politici nelle carceri israeliane, fra cui molti bambini e donne.

Israele, peraltro, ha già negoziato più volte lo scambio di prigionieri: nel 1985 ha liberato 1150 detenuti per riavere 3 militari rapiti dal PFLP-GC (Fronte di Liberazione della Palestina – Comando Generale) e nel 2004 , in un accordo con gli Hezbollah libanesi, ha scambiato 400 detenuti con un colonnello israeliano e 3 militari feriti, ma ora si rifiuta pervicacemente rispondendo con un’offensiva militare a Gaza e violente incursioni ed arresti in tutto il West Bank.

L’obiettivo politico di Sharon prima ed ora di Olmert è di attuare un piano di disimpegno unilaterale, accampando la scusa che non esiste un interlocutore palestinese. In questo modo l’ANP (Autorità Nazionale Palestinese) non avrebbe né consistenza politica, né istituzionale, né militare. Sarebbe un’entità fantasma subordinata completamente alla politica dello stato israeliano.

Gli accordi di Oslo avevano sancito che la soluzione del conflitto si basava su accordi bilaterali tra l’OLP (Organizzazione per la Liberazione della Palestina che è l’unico organo riconosciuto dall’intera popolazione palestinese, comprendente sia i residenti in Palestina che i rifugiati nelle varie parti del mondo) ed Israele. L’andata al governo di Hamas ha permesso al governo israeliano di continuare la sua campagna sul tema che "non c’è un interlocutore".

Dal canto loro USA e UE hanno imposto 3 condizioni al governo di Hamas (riconoscimento di Israele, rinuncia all’azione armata , accettazione degli accordi di Oslo) e non hanno posto condizioni al governo israeliano che non riconosce il diritto dei palestinesi ad uno stato indipendente sui territori occupati nel 1967, che usa il terrorismo contro i civili, non rispetta gli accordi di Oslo e detiene illegalmente circa 9000 palestinesi sottoposti a torture e privazioni, la maggior parte dei quali senza accuse a loro carico.

Dal 1967 sono stati detenuti oltre 650 mila palestinesi, circa il 40% della popolazione maschile del West Bank e Gaza, che sono i territori assegnati all’Autorità Nazionale Palestinese e di fatto sotto occupazione israeliana.

Non è un caso che l’offensiva nella striscia di Gaza è iniziata contestualmente al raggiunto accordo di tutte le fazioni, compresa Hamas e con l’unica eccezione della Jihad islamica, sul documento proposto da Marwan Barghouti e alla dichiarazione del PFLP – Fronte Popolare di Liberazione della Palestina – di accettare di entrare nel governo di unità nazionale.

Israele non vuole accettare questa nuova prospettiva di pace. Si ripete la situazione del 2002 quando il summit arabo a Beirut aveva predisposto un piano che prevedeva il riconoscimento di Israele in cambio della creazione dello stato palestinese ed il governo di Sharon aveva risposto con un’ offensiva generalizzata nei territori occupati, con il pretesto della rappresaglia contro un attentato kamikaze.

L’oppressione del popolo palestinese continuerà senza soluzione se non si sarà in grado di costruire un movimento internazionale di solidarietà che metta in luce il significato della lotta di resistenza palestinese e la sostenga con atti politici concreti.

In questo contesto ci auguriamo che le forze politiche, i movimenti, i sindacati di base e tutti coloro che in questi anni si sono mobilitati contro le guerre e contro l’aggressione israeliana riescano a trovare rapidamente un accordo unitario per indire nel nostro paese una manifestazione nazionale contro l’aggressione sionista israeliana, appoggiata dagli Usa ed avallata di fatto dall’Unione Europea e dal governo italiano che non ha condannato l’aggressione alla striscia di Gaza né il rapimento di 8 ministri ed oltre 50 esponenti politici dell’Autorità Nazionale Palestinese.

La nostra associazione da sola non può farsi carico di organizzare una manifestazione di questa portata sul piano nazionale ed è per questo che sobriamente facciamo questa proposta, mettendoci a disposizione per offrire il nostro contributo su una piattaforma politica chiara.

luglio 2006

L’altra Lombardia – SU LA TESTA

Associazione politico-culturale L’altra Lombardia – SU LA TESTA 
sede nazionale Milano
tel: 339 195 66 69 – 338 98 75 898 
e-mail:
laltralombardia@laltralombardia.it
web:
www.laltralombardia.it 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.