Damasco: speranza per la riconciliazione Fatah-Hamas.

Gaza – Damasco. Si sono svolti ieri nella capitale siriana e a Gaza dei colloqui tra i movimenti rivali di Fatah e Hamas. L'obiettivo era quello di raggiungere un accordo di conciliazione: lo ha riferito Azam al-Ahmad, membro del Comitato centrale di Fatah.

Parlando a Ma'an Radio Network, al-Ahmad ha infatti affermato di aver incontrato il vice presidente del movimento di Hamas, Musa Abu Marzuq, nella sua casa a Damasco, dove i due hanno discusso di tutte le questioni riguardanti il dialogo bilaterale e la recente posizione di Hamas sulla riconciliazione nazionale.

Lo scopo del colloquio, ha precisato al-Ahmad, era convincere Hamas a firmare il documento sponsorizzato dall'Egitto, volto a porre fine all'ostilità tra i due movimenti. L'incontro di ieri avrebbe portato a un accordo sulla prosecuzione del dialogo bilaterale tra le due parti e a ulteriori consultazioni sulla riconciliazione.

Da parte sua, Abu Marzuq avrebbe avanzato la proposta di superare l'attuale fase di stallo. “La nostra richiesta è quella di firmare la proposta – ha ribadito al-Ahmad – dopodiché, siamo pronti a darci la mano e ricostruire i rapporti.”

L'incontro di Gaza ha visto invece la partecipazione del membro del Comitato centrale di Fatah Sakher Bsisu e dei leader di Hamas, anche qui per discutere la proposta egiziana, secondo quanto riferito dallo stesso al-Ahmad.

All'inizio dello scorso febbraio, sempre a Gaza, si era tenuta la riunione dei rappresentanti di tutte le fazioni palestinesi, in seguito alla visita di Nabil Sha'ath volta a incoraggiare il dialogo bilaterale. La visita del leader di Fatah era stata vista come un gesto di buona volontà, e un leader del Jihad islamico aveva rivelato nel corso di questo mese che Hamas si stava preparando a ratificare la bozza egiziana.

Tuttavia, lo stesso Hamas aveva specificato che non avrebbe firmato il documento finché le modifiche proposte dal movimento non fossero state prese in considerazione. A sua volta Fatah aveva accusato il movimento avversario di ostacolare l'attuazione dell'accordo con il suo rifiuto a firmarlo.

(Fonte: Maan)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.