Dani Dannon: sulla Mavi Marmara dovevamo uccidere tutti

Imemc. Il membro della Knesset Dani Dannon, del partito israeliano del Likud, ha inviato una lettera sarcastica al primo ministro turco Recep Tayyip Erdoğan, in cui ha affermato che i soldati dell'esercito israeliano avrebbero dovuto uccidere tutti i passeggeri della nave Mavi Marmara: lo riferiscono fonti israeliane.

Lo scorso 31 maggio, i soldati israeliani abbordarono infatti l'imbarcazione, diretta a Gaza per consegnare aiuti umanitari, uccidendo su di essa nove attivisti turchi e ferendone altri, prima di trainarla nel porto israeliano di Ashdod.

Nella lettera, Dannon dichiara però di essere dispiaciuto che i militari “si siano moderati, uccidendo solo nove attivisti”.

Il deputato aggiunge quindi che “se Israele avesse saputo in precedenza che vi erano dei terroristi a bordo, le truppe avrebbero ricevuto l'ordine di uccidere chiunque minacciasse la loro incolumità”.

Dannon ha anche sostenuto di essree dispiaciuto che Israele non abbia condotto un controllo della sicurezza su tutti i passeggeri della nave prima che salpasse, e che “non abbia impedito ai passeggeri di armarsi”.

Intanto, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha negato le voci secondo cui Israele intenderebbe risarcire le famiglie delle vittime.

A sostegno di questa sua affermazione, Netanyahu ha affermato lunedì, durante una riunione del Likud, che Israele sta attualmente trattando con la Turchia per lasciar cadere tutte le accuse contro i soldati responsabili dell'attacco. Secondo il premier, qualsiasi scusa o risarcimento ufficiale renderebbe più facile per Ankara intentare causa ai militari.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.