‘Dedicata al poeta palestinese Mahmoud Darwish’: ‘Prendi nota, sono arabo’.

Riceviamo da Francesco Giordano e pubblichiamo.

DEDICATA AL POETA PALESTINESE MAHMOUD DARWISH

 

*Prendi nota

sono arabo
carta di identità n°50000
bambini otto
un altro nascerà l’estate prossima.
Ti secca?

 

Oggi 9 agosto 2008 ci ha lasciato Mahamoud Darwish.

Nell’anno della Nakba, 1948/2008, da lui subita sul proprio corpo, è morto il grande poeta palestinese, che seppe mantenere un costante legame con i fratelli palestinesi ed arabi della diaspora.

Fu strappato dalla sua terra dagli israeliani e finì nelle loro carceri perché ha sempre appoggiato la Resistenza contro l’occupazione.

 

Prendi nota
sono arabo
taglio pietre alla cava
spacco pietre per i miei figli
per il pane, i vestiti, i libri
solo per loro
non verrò mai a mendicare alla tua porta.
Ti secca?

 

Quest’anno è stato importante il suo contributo al boicottaggio della Fiera del Libro di Torino che molti (…) hanno voluto essere dedicata al regime di Israele. Darwish non ci ha pensato due volte a schierarsi con la sinistra italiana, con i movimenti che da nord a sud hanno manifestato il proprio orrore e la propria indignazione per la vergognosa decisione che il (…) di Torino, con altri della sua stessa risma hanno voluto imporre.

 

Prendi nota
sono arabo
mi chiamo arabo non ho altro nome
sto fermo dove ogni altra cosa
trema di rabbia
ho messo radici qui
prima ancora degli ulivi e dei cedri
discendo da quelli che spingevano l’aratro
mio padre era povero contadino
senza terra né titoli
la mia casa una capanna di sterco.
Ti fa invidia?

 

L’anno scorso abbiamo avuto la fortuna di incontrarlo a Torino, venne a presentare un suo lavoro e la sala, la bella sala che l’ospitava era stracolma di uomini, donne e bambini che amano la sua poesia, ma erano lì anche per la sua riconosciuta coerenza di resistenza contro il regime sionista.

 

Prendi nota
sono arabo
capelli neri
occhi scuri
segni particolari

fame atavica
il mio cibo
olio e origano
quando c’é
ma ho imparato a cucinarmi
anche i serpenti del deserto
il mio indirizzo
un villaggio non segnato sulla mappa
con  strade senza nome, senza luce
ma gli uomini della cava amano il comunismo.

 

Con Darwish torneremo ancora nelle strade e nelle piazze a dire che la Palestina è nei cuori degli oppressi; il 29 novembre 2008 saremo a Roma a chiudere l’anno che abbiamo voluto essere dedicato alla Palestina, quel giorno leggeremo sue poesie per ricordarlo, per ricordare che Darwish sarà sempre al fianco, e nei cuori di chi lotta per la Liberazione della Palestina dall’occupazione sionista.

 

Prendi nota
sono arabo e comunista
Ti dà fastidio?

Hai rubato le mie vigne
e la terra che avevo da dissodare
non hai lasciato nulla per i miei figli
soltanto i sassi
e ho sentito che il tuo governo
esproprierà anche i sassi
ebbene allora prendi nota che prima di tutto
non odio nessuno e neppure rubo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.