Deputato di Fatah invita la resistenza palestinese a 'inventare operazioni speciali'.

Il deputato Ashraf Jummah, del gruppo parlamentare Fatah, ha espresso la propria rabbia per le decisioni del governo israeliano che vanno a "giustificare le aggressione contro la Striscia di Gaza, solo per far apparire la ‘grandezza israeliana’ contro la pianificazione di una dirigenza stupida e perdente”.

In un comunicato stampa di cui il corrispondente di Infopal.it ha ricevuto copia, Jumaah ha dichiarato: “La dirigenza avrebbe dovuto rispondere alla Conferenza araba di Riyad, per quanto riguarda l’iniziativa di pace araba, con proposte positive ma quando la Commissione Winograd si è scagliata contro il ‘pavone sognante’ Ehud Olmert, sono state trasformate in attacchi contro il nostro popolo palestinese”.
E ha aggiunto: “E’ chiaro che il primo ministro israeliano e il suo ministro della difesa non hanno capito i messaggi dei palestinesi, lanciati attraverso il presidente Mahmud Abbas, né quelli dei capi arabi”.

Il deputato Jummah ritiene che "prendere di mira la dirigenza palestinese significa superare ogni limite. Significa uccidere anche i cittadini palestinesi innocenti. La logica delle uccisioni mirate è contraria alla IV Convenzione di Ginevra”.

E ritiene che la resistenza palestinese possa rispondere alla "macchina da guerra israeliana" sia all’interno sia all’esterno di Israele o nel mondo, nel modo più adatto, "visto che non possiede gli aerei F16, ma un diritto legale”.

Jummah spera che giungano "sorprese dalle fazioni della resistenza, oltre ai missili che aspettano il nemico israeliano" e che "vengano inventate nuove operazioni di qualità che diano una lezione molto dura a chiunque pensa di aggredire la Striscia di Gaza".

E ha chiesto a tutte le ali militari di "unirsi in un’unica unità speciale palestinese che faccia felice ogni palestinese e dia una lezione alle forze di occupazione israeliane che non dimenticheranno. Diciamo all’occupante che tutti noi facciamo parte di un progetto di martirio per la Palestina".

Jumaah ha invitato il presidente Abbas a contattare i paesi arabi e islamici e il Quartetto per fermare l’aggressione israeliana, e ha invitato il primo ministro ad "annunciare la resistenza, come è scritto nel programma del governo, e come è diritto legale", nel caso tali aggressioni dovessero proseguire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.