Dichiarazione di Hezbollah sull’assassinio di Al-Arouri

“Piangiamo per la nostra comunità araba e islamica, piangiamo per la Palestina libera, la sua grande resistenza e il suo popolo orgoglioso, e per le persone libere e i mujahidin ovunque. Il grande leader mujahidin e vice capo dell’ufficio politico del movimento Hamas, shaykh Saleh Al-Arouri, martirizzato insieme ad alcuni suoi compagni mujahidin, sulla strada per Gerusalemme.

“Esprimiamo le nostre condoglianze ai nostri fratelli di Hamas, ai coraggiosi mujahidin delle Brigate Izz al-Din al-Qassam, al popolo della determinata Gaza, alla Santa Gerusalemme, alla Cisgiordania oppressa e a tutte le fazioni e movimenti di resistenza e jihad in Palestina.

“Allah Onnipotente ha concluso la carriera di questo grande leader con la più alta medaglia d’onore. La dignità e il raggiungimento del martirio è ciò che aveva sempre cercato, desiderato e per cui aveva lavorato con i suoi fratelli Mujahidin: resistenza e jihad, fino alla vittoria o al martirio.

“Il nemico criminale, che dopo novanta giorni di crimini contro l’umanità, omicidi e distruzioni, non è riuscito a sottomettere Gaza, Khan Yunis, il campo di Jabalya e il resto delle città, dei campi e dei villaggi onorevoli, sta ricorrendo ad una politica di omicidi e aggressioni fisiche, liquidazione di tutti coloro che hanno lavorato, pianificato, eseguito o sostenuto l’eroica Operazione Al-Aqsa e hanno contribuito in difesa del popolo oppresso della Palestina; il crimine di oggi è la continuazione del crimine dell’assassinio del comandante Sayyed Razi Al-Musawi in un’altra arena di azione e su un nuovo fronte di combattimento, e questo crimine atroce non farà altro che aumentare l’intensità della resistenza in Palestina, Libano, Yemen, Siria, Iran e Iraq con fede nella loro causa, con fermo impegno e determinazione a continuare il percorso di resistenza e jihad fino alla vittoria e alla liberazione. ‏

“Consideriamo il crimine dell’assassinio di shaykh Saleh Al-Arouri e dei suoi compagni martiri nel cuore della periferia meridionale di Beirut un grave attacco al Libano, al suo popolo, alla sua sicurezza, sovranità e resistenza, e al significato politico altamente simbolico e ai messaggi di sicurezza che contiene, e uno sviluppo pericoloso nel corso della guerra tra il nemico e l’Asse della resistenza, e noi come Hezbollah affermiamo che questo crimine non passerà senza risposta e punizione, e che il nostro impegno è fermo, orgoglioso, e fedele ai principi e agli impegni assunti, la nostra mano è sul grilletto e i nostri resistenti sono ai massimi livelli di prontezza e preparazione, e questo è un giorno memorabile per ciò che seguirà. Per i prossimi giorni, grande e bella pazienza, e Allah è colui che aiuta, e la vittoria, se Allah Onnipotente vuole, è molto vicina”.