Dieci paesi sospendono i finanziamenti per l’UNRWA a seguito di accuse israeliane contro il suo staff

Gaza. Diversi Paesi donatori chiave hanno sospeso i finanziamenti all’UNRWA, sabato scorso, in seguito alle affermazioni israeliane secondo cui una decina di membri del personale dell’agenzia avrebbero preso parte all’operazione del 7 ottobre contro Israele.

Secondo quanto riportato da diversi media, Stati Uniti, Australia, Canada, Italia, Germania, Finlandia, Paesi Bassi, Svizzera, Gran Bretagna e Scozia hanno interrotto i finanziamenti all’agenzia, le cui strutture, dove i palestinesi sfollati hanno cercato rifugio, sono state ripetutamente esposte ad attacchi letali da parte dell’esercito d’occupazione israeliano.

Questi Paesi donatori hanno preso questa decisione senza attendere i risultati di un’indagine avviata sulle rivendicazioni israeliane.

Venerdì l’UNRWA ha dichiarato di aver licenziato diversi dipendenti e di aver aperto un’indagine sulle accuse.

“La sospensione dei fondi minaccia il lavoro umanitario nella regione, specialmente a Gaza”, ha dichiarato il commissario generale dell’UNRWA, Philippe Lazzarini, in una dichiarazione rilasciata nella tarda serata di sabato, esortando i Paesi che hanno congelato i finanziamenti a “riconsiderare le loro decisioni”, poiché la popolazione di Gaza rischia di morire di fame.

(Fonti: PIC, Quds Press, Quds News).