Dietrofront dell'Egitto: 'Il valico di Rafah non riaprirà se non sotto l’autorità di Abbas. Bisogna rispettare gli accordi'.

Gaza – Infopal

Una fonte egiziana ha fatto sapere che il valico di Rafah "non aprirà se è presente un’autorità diversa da quella del presidente Mahmud Abbas", smentendo gli accordi verbali presi con la delegazione di Hamas, la settimana scorsa.

La fonte ha sottolineato che la questione "non è oggetto di discussione" e ha rifiutato qualsiasi presenza, anche simbolica, del movimento di Hamas al valico di Rafah: "Hamas è un’organizzazione e non un’autorità. L’Egitto riconosce solo la legalità del presidente Abbas – legalità riconosciuta a livello arabo e internazionale. Il Cairo rifiuta qualsiasi altra alternativa. Questa è la nostra posizione ufficiale, indiscutibile".

La fonte ha smentito che l’Egitto abbia intenzione di siglare un nuovo accordo per la gestione del valico di Rafah. E ha detto: "Noi vogliamo che i lavori sul valico di Rafah proseguano in base agli accordi internazionali firmati dall’Anp nel 2005 con le controparti internazionali".

E ha aggiunto che "il valico di Rafah è chiuso da ieri e non verrà aperto prima che i palestinesi di Gaza e Ramallah si accordino sulla sua gestione. L’accordo sui passaggi non è una prerogativa egiziana".

Ha poi smentito che il valico possa funzionare tutti i giorni, perché "ci sono molti problemi riguardanti l’apertura di questo passaggio. L’Egitto non vuole assumersi la responsabilità della Striscia di Gaza o togliere questo peso agli israeliani".

La fonte ha confermato che l’Egitto tenterà di risolvere solo la questione delle persone bloccate al valico di Rafah – malati, anziani, chi risiede all’estero e gli studenti universitari che studiano fuori dalla Palestina.

E ha aggiunto che studieranno i vari casi, in particolare quelli umanitari, e che il transito non avverrà necessariamente attraverso il valico di Rafah, ma probabilmente da Karem Abu Salem.

E ha confermato poi che l’Egitto accetterà di far entrare gli aiuti alimentari e medici.

E per quanto riguarda il ruolo degli osservatori internazionali e la loro presenza al valico di Rafah, ha dichiarato che è importante l’applicazione dell’accordo sui passaggi.

La fonte ha rivelato che il movimento di Hamas, durante le discussioni al Cairo, la settimana scorsa, ha espresso la disponibilità che a gestire il valico siano dipendenti e dirigenti della presidenza palestinese, e non membri della Guardia presidenziale, e che siano residenti a Gaza.

Hamas ha rifiutato la collaborazione con gli israeliani e ha spiegato che "l’Egitto ha rifiutato questa proposta e ha confermato che il valico di Rafah non può funzionare regolarmente in assenza della parte israeliana".

Va detto, tuttavia, che non ci sono forze israeliane al valico di Rafah: esso è controllato attraverso telecamere che trasmettono a Karem Abu Salem, da cui viene verificata la lista dei passeggeri consegnata alle autorità israeliane attraverso l’ufficio di coordinamento tra palestinesi, israeliani ed europei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.