Disequa vicinanza.

Berlusconi: “Escludo Hamas come interlocutore. Non si negozia con chi vuole cancellare Israele dalla carta geografica”.
Roma, 23 feb. (Adnkronos) – “Hamas non può essere un interlocutore. Escludo che si possa dialogare con un'organizzazione che proprio la presidenza italiana dell'Unione Europea, nel 2003, ha ottenuto di inserire nella lista delle organizzazioni terroristiche. 
Come si può negoziare con quanti ancora oggi vorrebbero vedere Israele cancellato dalle cartine geografiche”? Lo afferma il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi in un'intervista a 'Le Figaro' che sarà pubblicata domani in coincidenza con il vertice italo-francese.
“Il primo passo di qualsiasi interlocuzione -aggiunge- è il riconoscimento del diritto a esistere dell'avversario. Nessun Paese e nessuna democrazia avrebbero tollerato uno stillicidio di razzi lanciati sulla propria gente. Certo, nelle azioni difensive l'impiego della forza dev'essere proporzionato all'offesa. Ma sono convinto che 
le stesse autorità israeliane sappiano quanto sia sbagliato un uso eccessivo della forza con centinaia di vittime tra i civili. La tregua deve stabilizzarsi in un percorso negoziale. Dobbiamo tutti guardare avanti e lavorare in concreto per la pace”.
“L'Europa -aggiunge, in merito alle iniziative di Sarkozy e Mubarak- non è rimasta inerte. Vi sono state diverse iniziative. 
Quella di Sarkozy ha contribuito a raggiungere il primo obiettivo di tutti noi, il cessate il fuoco. Si è avviato un processo per il quale la fine del contrabbando di armi, del lancio di razzi, e l'invio di aiuti umanitari alla popolazione colpita, dovranno essere i primi passi verso l'apertura dei valichi e il ripristino di condizioni di 
vita normali”.
      
(Pol-Fan/Ct/Adnkronos)
23-FEB-09 11:07

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.