Dissenso all’interno di Fatah sullo scandalo Dahlan

Londra – Ma'an. Il procedimento giudiziario nei confronti di Mohammed Dahlan, figura eminente di Fatah espulso recentemente dal partito, ha stimolato la “sensibilità regionale” all'interno di Fatah, perché Dahlan era uno dei maggiori rappresentanti del partito a Gaza.

La maggioranza dei quadri di Fatah nella Striscia di Gaza ha rifiutato la decisione di espellere Dahlan, mentre altri, che gli erano molto vicini, sono stati arrestati in Cisgiordania, secondo quanto scrive il quotidiano con sede a Londra Ash-Sharq Al-Awsat.

Una fonte di partito a Gaza ha affermato che Dahlan “rappresenta senza dubbio Fatah a Gaza”. 

“La guerra contro di lui è parte dell'indifferenza della leadership di Fatah in Cisgiordania, e noi nella Striscia di Gaza ne scontiamo le conseguenze sin dal golpe di Hamas”, ha detto il funzionario, stando all'articolo.

I sostenitori di Dahlan su Facebook hanno riferito che Nidal Abu Sultan, la guardia del corpo personale di Dahlan, è stato arrestato e interrogato con durezza dai servizi di sicurezza, e che sono stati arrestati anche altri membri del personale militare considerati fedeli all'ex dirigente.

Il leader di Fatah Sufian Abu Zaydeh ha reagito facendo pressioni sul presidente Abbas perché “dia ordine ai servizi segreti militari di rilasciare immediatamente i membri di Fatah arrestati senza motivo”.

Traduzione per InfoPal a cura di Anna Eleuteri.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.