Dissociati da Israele.

HASBARA HANDBOOK

The Israel Project's 2009 GLOBAL LANGUAGE DICTIONARY

Dissociati da Israele

Peter G Cohen

La crudeltà gratuita con cui i palestinesi vengono rimossi dalle loro case a Gerusalemme è solo l’ultimo di un fiume di atti scioccanti commessi dal governo israeliano.

Mio padre, Lester Cohen, fu uno dei noti ebrei che nel 1948 si recarono alla sede delle Nazioni Unite a San Francisco e invocarono una Palestina libera. Sono convinto che rimarrebbe sconvolto come me dalle azioni brutali dell’attuale governo in carica in Israele.

Come ho scritto durante gli attacchi su Gaza dello scorso inverno, i crimini di guerra sono crimini di guerra – anche quando vengono commessi dagli ebrei. Lo stato d’Israele ha abbandonato tutti i grandi principi dell’ebraismo evidenziati dai Dieci Comandamenti nel Pentateuco. Sta bramando, rubando, uccidendo e mentendo. Ha ignorato più di 60 risoluzioni ONU. Ha ignorato le condizioni alle quali gli USA dovrebbero fornire aiuto militare. Si è tramutata in quella che il presidente Bush chiamò una “nazione-farabutto”.

La mia convinzione personale è che il sostegno cieco d’Israele da parte del nostro governo [quello americano, ndR] abbia incoraggiato questo militarismo aggressivo. Israele non è più una risorsa degli Stati Uniti. Le sue azioni brutali hanno ispirato i kamikaze e rinnovato l’odio nei confronti del nostro governo in Medio Oriente. Dobbiamo riconoscere che gli sforzi pacifici dell’amministrazione Obama vengono ostacolati dal nostro coinvolgimento con gli aggressivi gesti israeliani.

Che cosa si può fare? Che cosa si deve fare?

Per preservare la propria immagine e qualsiasi cosa possa rimanere di buono, gli Stati Uniti devono prendere le distanze dalle offensive militari dell’attuale governo israeliano. Il mondo sa che noi gli stiamo fornendo 2.775 milioni di dollari in aiuti militari, la maggior parte dei quali viene spesa in armi importate dagli USA. La cosa moralmente giusta e legale da fare è porre immediatamente fine a quegli aiuti.

Dobbiamo farlo, nel nome della legge internazionale e delle regolamentazioni che imponiamo ai nostri aiuti economici. Non possiamo continuare ad ignorare i crimini di guerra d’Israele quando ne siamo complici. Israele ha l’esercito più potente del Medio Oriente; sopravviverebbe benissimo senza il nostro appoggio, e il ritiro del nostro sostegno militare potrebbe avere un effetto “rilassante” sull’attuale governo estremista.

Il vantaggio più grande andrebbe al nostro Dipartimento di Stato, che sarebbe in grado di muoversi tra gli stati del Medio Oriente senza il fardello aggiuntivo di essere implicato nei crimini di guerra israeliani.

Peter G Cohen, artista e attivista, è un veterano della II guerra mondiale, padre e nonno, autore di <nukefreeworld.com> e altri scritti.

[1116 N. Milpas Street

Snta Barbara CA 93103

(805) 884-0704]

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.