DISTRUZIONE DI GAZA: 600 mila tonnellate di macerie da rimuovere. Bombe ancora inesplose.

Gaza – Infopal. I dati emersi dal censimento eseguito dal “Programma di sviluppo delle Nazioni Unite a Gaza” denunciano la distruzione sistematica messa in atto dal governo israeliano durante la recente guerra alla Striscia.

I numeri dell’ecatombe. Sono stati distrutti totalmente o parzialmente: 14 mila case, 68 edifici governativi, 31 edifici di organizzazioni non governative.

A fronte di tale distruzione, sono 600 mila tonnellate le macerie da rimuovere.

L’organizzazione ha fatto sapere che “le macerie sono mescolate con materiale tossico e nocivo, e potrebbero contenere bombe ancora inesplose. E’ necessario rimuoverle per garantire l’incolumità dei cittadini di Gaza, e per semplificare l’arrivo degli aiuti umanitari e dei servizi sociali”.

Le Nazioni Unite stanno cercando fondi per 613 milioni di dollari, destinati alla ricostruzione della Striscia di Gaza, mentre il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite ha bisogno di 49 milioni di dollari, di cui una metà è destinata alla rimozione delle macerie, e l’altra all’agricoltura e alla ricostruzione della rete idrica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.