‘Droni israeliani su Gaza strappano la vita dei palestinesi senza preavviso’

Gaza – Paltoday. Ritornano nei cieli della Striscia di Gaza i droni, aerei senza pilota molto leggeri, che i palestinesi chiamano zannana, per via del ronzio che fanno in volo.

A Gaza, il rumore dei droni equivale all'annuncio di morte tra i palestinesi: dai combattenti ai civili. Tutti ne hanno un terribile ricordo.

Questi aerei, di cui gli ultimi modelli possono sganciare anche due bombe insieme, sono altamente distruttivi e non prevedono alcun preavviso per i palestinesi che vivono perseguitati dal suo ronzio.

La loro capacità negli attacchi è senza pari: sono più precisi di elicotteri e aerei da guerra come gli F-16, più veloci di qualunque altro strumento di guerra e, grazie a software di alta tecnologia, appaiono per uccidere e scomparire all'istante.

Israele ha usato i droni nelle operazioni più delicate per assassinii mirati contro leader politici e della resistenza, mentre, nella guerra dell'inverno 2008, “Operazione Piombo fuso”, ne ha fatto ampio utilizzo per massacrare la popolazione. Qualcuno a Gaza ha riconosciuto che quella “fu una delle migliori performance dei droni israeliani”.

Ma questi aerei sono utilizzati anche come potente mezzo di ricognizione, sorveglianza ed esplorazione, e per la raccolta di informazioni.
Queste sono anche le funzioni per le quali gli eserciti ne fanno uso nel resto del mondo: catturano immagini con foto e fanno la scansione del più piccolo dettaglio sul territorio, estremamente precisi nel colpire gli obiettivi.

Distanti dal bersaglio, da una sala comando, esperti gestiscono l'operatività dei droni. Con un computer o inserendo un cd, l'informatico è in grado di aggiornare il software collegato all'aereo.

Abu Hamzah, combattente delle brigate al-Quds, braccio militare del Jihad islamico, ha ammesso al corrispondete dell'agenzia “Paltoday” che un “zannana è un vero e proprio incubo per i combattenti perché è in grado di rendere vulnerabili le operazioni della resistenza”.

“Le capacità della resistenza palestinese – ha aggiunto – non hanno nulla a che vedere con l'alta tecnologia di cui è dotato il drone di Israele, sia in termini di precisione sia per la rapidità con cui compare, attacca e sparisce”.

Il drone disturba le comunicazioni tra i combattenti (che di solito avvengono con degli apparecchi simili a telefoni cellulari, ma privi di linea telefonica, una sorta di Walkie Talkie, in arabo chiamato lasilki, ndr).

Quello che i combattenti possono fare per sfuggirvi, è cercare di prevenirlo, restando fuori dal raggio del suo ronzio.

Tra i civili, gran parte della popolazione della Striscia di Gaza ha un episodio di morte da ricordare quando si parla di zannana.

Abu Mahmoud, residente nel quartiere di ash-Shuja'iyah (Gaza), ha raccontato: “Il drone è per noi segno del malaugurio. Le ferite provocate non possono essere risanate perché ogni volta che lo sentiamo sulle nostre teste, ci vengono alla mente i nostri caduti: combattenti e civili, gli squarci sui corpi dei nostri bambini e delle nostre donne”.

Come le comunicazioni tra i combattenti, anche i segnali di trasmissione nelle abitazioni della popolazione vengono disturbati quando i droni si avvicinano: hardware, radio e Tv satellitari possono andare in tilt.

Ruba 'Odeh, studentessa universitaria di Gaza, ha confidato di essere terrorizzata dal suo suono: “Quando sento un drone nell'aria, perdo la concentrazione e di notte non riesco a studiare”. Ma Ruba è soprattutto oppressa dal pensiero che “a quel ronzio seguirà la morte”.

In qualunque luogo e in qualunque ora del giorno, i droni israeliani volano su Gaza catturata dalla loro costante ricognizione.

Israele ha fatto uso di droni anche negli assassinii eseguiti pochi giorni fa nel quartiere di ash-Shuja'iyah, dove otto palestinesi – tre dei quali bambini – sono stati uccisi. Anche quattro combattenti delle brigate al Quds sono caduti vittima di un zannana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.