Due quadri di Hamas uccisi a Beirut.

Beirut – Pic. Due membri di Hamas sono stati uccisi ed altri sono rimasti feriti nell'esplosione di un'automobile avvenuta sabato sera nella parte meridionale di Beirut.

Fonti ben informate negano che uno dei leader di Hamas in Libano sia rimasto ucciso nell'attentato.

Ali Baraka, leader di Hamas in Libano, ha infatti riferito al PIC di non essere lui l'obiettivo dell'esplosione, come invece insinuato da alcuni media. Hamas ha inoltre riferito che il suo rappresentante in Libano, Osama Hamdan, si trova fuori dal Paese, quindi non può essere stato lui l'obiettivo dell'attentato.

Le forze di sicurezza libanesi affermano che l'esplosione di sabato sera ha interessato un'automobile di proprietà di un quadro di Hamas e che al massimo una è stata la vittima.

La sicurezza di Hezbollah ha subito isolato l'area, dove sono state viste precipitarsi delle ambulanze.

Indagini sono in corso, ma ancora non è stato emesso alcun comunicato ufficiale da parte degli inquirenti.

Il dirigente di Hamas in Libano Osama Hamdan rigetta l'ipotesi d'un attentato che avrebbe preso di mira un obiettivo di Hamas. Egli ha affermato che comunque le indagini per scoprire gli autori dell'attentato sono in corso. Squadre speciali stanno lavorando infatti affinché tutte le circostanze dell'attentato vengano rivelate.

Ad ogni buon conto, quest'attentato ha provocato la morte di due militanti di Hamas, Basil Ahmed Jumaa (29 anni) e Hassan Sa'id al-Haddad (21 anni).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.