Egitto: accelerati i lavori al muro d’acciaio, in co-produzione con Francia e Usa.

Cairo – Pic. Le autorità egiziane hanno recentemente accelerato i lavori di costruzione della barriera d'acciaio nell'area di confine con la Striscia di Gaza; lo riportano fonti della sicurezza.

La fonte ha infatti rivelato a un giornale libanese che una buona parte della struttura è già stata completata sotto la supervisione di Usa e Francia, che dieci giorni fa hanno avviato a loro volta la costruzione del tratto a ovest del passaggio di Rafah. Il completamento di questa sezione di muro chiuderà l'accesso all'Egitto dalla zona di Barahma, nota per essere attraversata da molti tunnel.

Purtroppo, è proprio attraverso questi tunnel che i palestinesi della Striscia contrabbandano tutti i prodotti necessari alla loro sopravvivenza.

Il giornale libanese al-Akhbar ha inoltre riferito ieri che le autorità egiziane hanno intensificato i pattugliamenti del confine ed eretto altre torri di guardia.

Sempre ieri, il Jerusalem Post (giornale israeliano in lingua inglese) ha rivelato che le stesse autorità egiziane hanno torturato dei minorenni palestinesi rifugiatisi nelle gallerie durante i bombardamenti israeliani dell'area.

Gli uomini della sicurezza avrebbero infatti tenuto in custodia insieme ai suoi amici il 15enne Mohammed al-Faramawi, che durante i tre giorni di prigionia sarebbe stato picchiato con bastoni e fili elettrici, e costretto a dormire sul pavimento senza coperte né cuscini.

Il ragazzo è ritornato dalla sua famiglia dopo essere già stato dato per morto sotto le bombe israeliane, conclude l'articolo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.