Egitto, sotto interrogatorio i feriti palestinesi ricoverati al Cairo.

 

Gaza. I feriti palestinesi ricoverati in Egitto hanno denunciato alla redazione di aljazeera.net interrogatori violenti da parte dell’intelligence egiziana.

Al loro ritorno nella Striscia di Gaza hanno informato l’emittente qatariota che le forze di sicurezza egiziane hanno interrogato qualcuno di loro per estorcere informazioni sui luoghi di produzione dei missili e sul contrabbando delle armi.

Diversi feriti hanno riferito ad aljazeera.net di essere stati sottoposti a violenti interrogatori da parte delle forze di sicurezza egiziane, mentre si trovavano in ospedale, e di essere stati minacciati di non poter terminare le cure mediche.

In un collegamento telefonico con aljazeera.net, uno dei feriti curati in Egitto ha raccontato che le forze di sicurezza egiziane gli hanno chiesto di informare la resistenza a Gaza che il Cairo non permetterà di contrabbandare armi verso Gaza.

L’uomo ha aggiunto che, appena guarito, il medico gli ha chiesto di attendere in una stanza accanto alla clinica, poi, sono arrivati gli uomini dell’intelligence per interrogarlo e gli hanno promesso di mantenere segrete tutte le informazioni che avrebbe rilasciato: “Mi hanno fatto domande sulla resistenza, sul nascondiglio delle armi, sul modo in cui i combattenti sono riusciti a resistere di fronte all’invasione israeliana”. Gli hanno chiesto di Hamas e del luogo in cui si nascondeva la sua dirigenza.

Ha aggiunto che all’inizio lo trattavano bene, ma quando ha negato di conoscere membri della resistenza, uno della sicurezza lo ha colpito sulla ferita, dicendogli: “Non mentire, tu sei di Hamas e delle brigate al-Qassam. Devi parlare, altrimenti non ti permettiamo di proseguire le cure e ti getteremo via come un cane”.

Fonte: http://www.aljazeera.net/NR/exeres/016C3C6D-04FD-44D4-8964-FBB23D41630F.htm

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.