Elezioni presidenziali palestinesi, Misha’al: ‘Abbas illegittimo dopo il 9 gennaio 2009’. Fatah attacca Hamas.

Gaza – Infopal. Durante una riunione di Hamas a Damasco, svoltasi sabato sera alla presenza di dirigenti di spicco sia palestinesi sia di altri paesi arabi, il leader dell’Ufficio politico del movimento, Khalid Misha’al, ha dichiarato che a partire dal 9 gennaio 2009 il mandato presidenziale di Mahmoud Abbas "non sarà più legittimato se non attraverso elezioni e con una riconciliazione nazionale".

Misha’al ha aggiunto che Hamas "non accetterà mai alcun accordo di pace che desista dai diritti inalienabili palestinesi".

E ha espresso stupore per la posizione assunta dai paesi arabi durante l’incontro al Cairo, la settimana scorsa, che imputava ai palestinesi tutta la responsabilità dei conflitti interni, "ignorando gli interventi esterni". ("Conflitto Hamas-Fatah, i ministri degli Esteri arabi riuniti al Cairo minacciano sanzioni. Nessuna presa di posizione contro assedio israeliano.")

Il leader di Hamas ha anche denunciato l’ANP per la "rinuncia al diritto di tutti i rifugiati palestinesi a far ritorno nelle proprie case", sottolineando che si tratta di 6 milioni di persone e che essi non rappresentano "cittadini di seconda classe".

Da parte sua, il portavoce di Fatah, Fahmi Az-Za’arir, ha risposto alle accuse mosse dal movimento di resistenza islamica alla presidenza dell’ANP, affermando che si tratta di una "tattica volta a coprire i suoi atti criminali" .

Nel comunicato diramato da Fatah, si legge: "Il presidente Abu Mazen (Mahmoud Abbas, ndr) è il leader legale designato attraverso il sostegno elettorale del popolo palestinese, che ha fiducia in lui e lo ha democraticamente eletto. La legge palestinese prevede che le elezioni presidenziali e legislative debbano aver luogo allo stesso tempo. Questa data sarà a gennaio del 2010, o in qualsiasi altro momento verrà stabilito. Il 9 gennaio  2009 sarà un normale giorno lavorativo per il presidente Abbas".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.