'Erekaat: 'I negoziati sono il mezzo e non il fine di un accordo. Essi proseguiranno se Israele estenderà il congelamento delle colonie'

Gerico – InfoPal. In occasione di un incontro con il Console generale statunitense, Daniel Rubinstein, e il rappresentante in Palestina dell'Unione europea (Ue), Christian Berger, il capo del Dipartimento per gli affari dei negoziati dell'Organizzazione di liberazione della Palestina(Olp) si è pronunciato sull'attuale situazione dei negoziati diretti.

Nell'incontro di ieri, 29 settembre, a Gerico, Saeb 'Erekaat ha specificato che, essendo un mezzo e non il fine di un accordo, i negoziati proseguiranno qualora Israele si esprimerà in modo chiaro sulle proprie intenzioni relative al congelamento delle colonie.

'Erekaat ha ricordato che gli insediamenti israeliani nei Territori palestinesi occupati sono una violazione alla legge internazionale, all'accordo internazionale dell'Aja del 1907 e alla IV Convenzione di Ginevra del 1949.

In conclusione dell'incontro, 'Erekaat ha ribadito le posizione ufficiale della parte palestinese: stato palestinese entro i confini del 1967, con al-Quds (Gerusalemme) est capitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.