Esecuzione dell’esercito israeliano contro due studenti universitari di Nablus.

Nablus – Infopal. Questa notte, a Nablus, le forze di occupazione israeliane hanno ucciso due palestinesi. Uno era uno studente dell’Università nazionale an-Najah e l’altro un militante delle Brigate al-Quds, ala militare del Jihad islamico.

Fonti mediche all’interno dell’ospedale Rafidiya hanno dichiarato che le due vittime sono Tareq Abu Ghali, delle brigate al-Quds, e Eyad Khanfar, 24 anni, uno dei membri del blocco islamico presso la facoltà di Lettere dell’Università an-Najah. Entrambi erano della cittadina di ar-Rama, nei pressi di Jenin.

Un testimone oculare, lo studente Adham Haydriya, ha raccontato che un vasto spiegamento di forze di occupazione, dopo la mezzanotte, ha circondato l’edificio "As-Salus" nel quartiere di al-Makhfiyah, a ovest di Nablus: soldati hanno bussato alla porta dell’appartamento dove i due studenti risiedevano, Khanfar ha aperto e i militari gli hanno sparato più di 15 colpi uccidendolo all’istante.

Continua il testimone: "Dopo di ciò, siamo usciti dalla casa e i cannoni israeliani hanno preso a sparare nonostante avessimo affermato che un altro studente, Abu Ghali, si trovava ancora all’interno dell’appartamento. E’ stato inutile: lo hanno ucciso".
Le forze israeliane si sono ritirate dalla città questa mattina, dopo aver permesso ai medici di prelevare i due cadaveri, dopo ore di attesa.
La radio israeliana ha reso noto che l’operazione militare contro Nablus ha preso di mira Abu Ghali, ricercato da tempo in quanto capo di una cellula militare delle brigate al-Quds. E ha aggiunto che il giovane aveva compiuto azioni di sabotaggio contro obiettivi israeliani e stava per realizzare un altro attacco.
L’esercito israeliano sostiene di aver trovato armi, munizioni e kalashnikov nell’abitazione dello studente.

Testimoni oculari hanno confermato che i due ragazzi erano disarmati.

I soldati hanno anche sequestrato 5 studenti, residenti in un edificio limitrofo. 

Il dottor Ghassan Hamdan, responsabile del servizio di pronto soccorso a Nablus, ha dichiarato che le forze di occupazione israeliane hanno effettuato un "’assassinio brutale : una delle vittime è stata crivellata di colpi alla testa, e anche l’altra è stata raggiunta nella parte superiore del corpo e nella testa".
Hamdan ha sottolineato che tale crimine – che si aggiunge ai tanti perpetrati dalle forze israeliane – è stato commesso in un’area residenziale molto popolata, creando panico tra gli abitanti, soprattutto tra i bambini e le donne.
Ieri sera, l’esercito israeliano ha posto l’assedio alla città e l’aviazione ha sorvolato intensamento lo spazio aereo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.