Esercito israeliano detiene 13 attivisti che scortavano agricoltori palestinesi nei campi

Al-Khalil (Hebron) – InfoPal. Ieri mattina, 18 novembre, 13 attivisti israeliani, palestinesi e internazionali sono stati catturati dalle forze d'occupazione israeliane.

L'azione è accaduta mentre gli attivisti accompagnavano alcuni agricoltori palestinesi al lavoro nelle loro terre, nell'area di Saffa, Beit Ummar (al-Khalil/Hebron).

Gli attivisti che seguivano lo Shaykh Mohammed Aady verso le sue terre – vicine all'insediamento israeliano di Bayt 'Ayn – erano trenta.

Si tratta di terreni agricoli che rischiano di essere annessi dai militari israeliani.

Dopo meno di un'ora di lavoro nei campi, dalla colonia sono sopraggiunti i soldati israeliani che hanno circondato la collina e, dopo azioni di violenza e repressione con il lancio di gas lacrimogeni, hanno arrestato il gruppo.

Tra i detenuti vi è anche un membro e cameraman del Comitato nazionale di Beit Ummar, Mohammed Ayyad.

Nelle ultime due settimane, a Saffa, si sono registrate 33 detenzioni di agricoltori palestinesi e attivisti.

L'esercito sostine che la terra appartenga allo “Stato” e la rivendica, così in più occasioni ha espresso l'intenzione di annetterla alla colonia israeliana di Beit 'Ayn.

Tutti gli agricoltori palestinesi possiedono la documentazione che ne attesta la proprietà.

Come i militari, anche i coloni israeliani attaccano con frequenza agricoltori e terra di Saffa: due notti fa, sono stati bruciati 70 alberi d'ulivo, tre palestinesi che avevano tentato di spegnere le fiamme e tre attivisti palestinesi intenti a fotografare il sito dove era divampato l'incendio sono stati detenuti dai militari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.