Esteso il divieto di riunificazione di famiglie e coniugi palestinesi

An-Nasira (Nazareth) – InfoPal. Il governo israeliano ha decretato l'estensione del provvedimento che vieta la riunificazione familiare dei palestinesi che risiedono in Israele (Territori palestinesi occupati nel '48, ndr)  con i propri familiari residenti in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza.

Su richiesta del ministro dell'Interno, esponente del partito ultra-ortodosso “Shas” Eli Yishai, ieri è stata indetta una riunione affinché il governo fornisse garanzie che l'interdizione summenzionata avrà ancora effetto.

Il divieto non investe una donna ebrea israeliana sposata a un palestinese.

Per gli uomini della sicurezza si tratta “di importanti garanzie per la sicurezza interna, perché i palestinesi usufruirebbero del diritto di residenza e del soggiorno per fornire supporto alle realtà del terrore e colpire obiettivi israeliani”.

Così la parlamentare Zehava Gal-On ha commentato l'atto: “Si protrae una violazione ai diritti fondamentali ai danni delle famiglie arabe”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.