Fiera del libro di Torino del 2008. Ancora documenti clamorosi.

Fiera del libro di Torino del 2008. Ancora documenti clamorosi.
Lo scippo all’Egitto per dedicarla a Israele nel sessantesimo anniversario della Nakba palestinese


Ecco i lanci delle agenzie stampa del gennaio 2007.
 
L’Egitto ospite alla Fiera del Libro 2008
[22/01/2007 – 08.36]
L’Egitto prenderà parte, in qualità di Paese ospite, alla Fiera Internazionale del Libro 2008 di Torino. La General Egyptian Book Organization ha dunque accettato l’invito formulato nei mesi scorsi dal presidente della Fondazione per il Libro Rolando Picchioni a prendere parte alla manifestazione culturale. La notizia arriva alla vigilia della partenza di Rolando Picchioni ed Ernesto Ferrero, direttore editoriale della Fiera, per la Fiera del Libro del Cairo, dove sarà firmato il protocollo d’intesa e saranno definiti i dettagli della presenza egiziana. Una delegazione dall’Egitto sarà ospite della Fiera del Libro 2007 che si svolgerà al Lingotto dal 10 al 14 maggio.
19.01.2007
Fiera libro Torino: Egitto ospite’08.  Presidente Fondazione andra’ al Cairo per firmare protocollo
(ANSA) – TORINO, 19 GEN – E’ l’Egitto il Paese ospite della Fiera internazionale del Libro di Torino, edizione 2008. La notizia arriva alla vigilia della partenza del presidente della Fondazione, Picchioni, e del direttore editoriale della Fiera, Ferrero, per Il Cairo dove sta per aprirsi la locale Fiera del Libro e dove sara’ firmato il protocollo d’intesa. Una delegazione egiziana sara’ poi ospite della prossima Fiera a Torino, in programma per il 10-14 maggio.

 

Come abbiamo visto da questi lanci di agenzia di un anno fa, questo programma è stato invece modificato quando l’ambasciata israeliana ha cominciato a fare pressioni sulla direzione della Festa del Libro di Torino e sugli enti locali per "scippare" all’Egitto il ruolo di paese ospite e farlo assegnare ad Israele in coincidenza con il sessantesimo della sua nascita nel 1948. E’ evidente come questo anniversario si presenti a letture diverse e contrapposte. Per il governo e le autorità israeliane deve essere la celebrazione ufficiale della nascita del loro stato, ma per i palestinesi quella data porta ancora il significato della Nakba (la Catastrofe) che ha coinciso con quella che lo storico israeliano Ilan Pappe ha definito la "pulizia etnica contro i palestinesi". Ciò ha significato l’espulsione di centinaia di migliaia di palestinesi dalla Palestina che gli era stata assegnata dall’ONU per finire confinati nei campi profughi in Libano, Giordania, Siria, Iraq, Egitto, Gaza e Cisgiordania, ha significato l’israelizzazione (di serie B) per i palestinesi rimasti nei territori che furono annessi dagli israeliani. Questo lato oscuro della storia recente non può essere omesso nè mediato in occasione di un evento ufficiale come la Fiera del Libro di Torino di quest’anno, tantopiù alla luce documentata di una operazione di scippo come quella avvenuta a scapito dell’Egitto.
 
La direzione della Fiera del Libro di Torino deve dimettersi in blocco e la decisione di dedicare l’edizione del 2008 a Israele deve essere revocata. A questo lavoreremo nelle prossime settimane e nei prossimi mesi, a Torino e nel resto del paese.
 
Il Forum Palestina
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.