Flotilla: anche Putin per un’inchiesta dell’Onu

Istanbul – Pic. La Russia vuole un’investigazione dell’Onu sull’attacco militare israeliano alla Freedom Flotilla: lo ha dichiarato ieri il premier russo Vladimir Putin.

Dure parole di rabbia sono state rivolte dal primo ministro allo stato israeliano durante una conferenza stampa, tenuta insieme al suo omologo turco Recep Erdoğan nell’ambito di un summit sulla sicurezza. Putin si è mostrato particolarmente preoccupato dal fatto che la strage è avvenuta in acque internazionali, e ha annunciato che Mosca solleverà il problema in seno alle Nazioni Unite.

La Turchia, a sua volta, ha già dichiarato di volere una commissione d’inchiesta indipendente sotto la supervisione dell’ente internazionale. Israele, tuttavia, ha finora rifiutato la proposta.

A dimostrazione delle intenzioni turche, Erdoğan ha contattato tre giorni fa il segretario  generale delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon per telefono, in seguito all’appoggio concesso dal Consiglio dei diritti umani dell’Onu alla formazione di una simile commissione.

Intanto, nella stessa giornata di ieri, il ministro della Giustizia palestinese Mohammed al-Ghul ha offerto al suo omologo turco la propria assistenza nel perseguire Israele per il suo sanguinoso attacco contro la Flotilla e i suoi partecipanti, in gran parte turchi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.