Forze di occupazione israeliane conducono una campagna di arresti nella West Bank.

All’alba di oggi, le forze di occupazione israeliane hanno arrestato cittadini palestinesi a Nablus e a Jenin, nel nord della West Bank.

Nablus

Le forze di occupazione israeliane, hanno circondato un palazzo residenziale nella città di Nablus, aggredendone gli abitanti prima di arrestarne uno.

Fonti di sicurezza hanno confermato al corrispondente di Infopal.it che un grande spiegamento di forze dell’esercito di occupazione ha circondato il palazzo “Kalbunah” nel quartiere Rafidia, a ovest della città di Nablus, e ha perquisito diversi appartamenti. Un giovane, di cui non si conosce ancora l’identità, è stato arrestato.

Inoltre, testimoni oculari hanno riferito che i soldati hanno circondato la moschea di Um Salamah e l’hanno perquisita, danneggiando gli interni. 

L’invasione ha raggiunto anche il campo profughi di Balata a est della città: i militari hanno sparato all’impazzata in aria, seminando paura tra i cittadini, in particolare tra i bambini. Non ci sono notizie di arresti né di feriti. 

Fonti israeliane hanno reso noto che l’esercito ha arrestato numerosi attivisti di Fatah a Nablus e Jenin, per interrogarli.

Altre fonti hanno dichiarato che i soldati si sono scontrati con la resistenza palestinese e che sono stati raggiunti da tre bombe. 

Jenin

Le forze di occupazione hanno arrestato un palestinese della cittadina di Silah al-Harithiyah, a ovest della città di Jenin.

Fonti di sicurezza palestinese hanno riferito che i militari hanno invaso la cittadina e hanno perquisito diverse abitazioni, arrestando Mohammad Ezzat Taher Zayod, 20 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.