Forze d’occupazione israeliane demoliscono 20 impianti di carbone a Jenin

Jenin – InfoPal. Questa mattina bulldozer israeliani hanno raso al suolo circa venti impianti per la lavorazione del carbone nel villaggio di Barta'ah, a sud-ovest di Jenin, nel nord della Cisgiordania occupata.

Il pretesto adottato da Israele per demolire gli impianti di proprietà privata palestinese è stato “mancanza di licenza e disturbo dei fumi per i residenti dei vicini insediamenti israeliani (illegali, ndr)”.

La stima su danni e perdite è alta e, in aggiunta, centinaia di operai palestinesi restano da oggi senza un'occupazione in un settore che ha caratterizzato l'area sin dai tempi del dominio ottomano in Palestina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.