Forze d’occupazione israeliane e sicurezza dell’Anp: altri round di arresti in Cisgiordania

Cisgiordania – InfoPal. Otto cittadini palestinesi di Ramallah, al-Khalil (Hebron ) e Tulkarem sono stati arrestati dalle forze di sicurezza dell'Autorità nazionale palestinese (Anp).

Anche questa volta, si tratta di membri e sostenitori del Movimento di resistenza islamica nei confronti dei quali è in corso una campagna di arresti deliberata a sfondo politico.

Di recente sono giunti da ogni gruppo politico e gruppo della società civile palestinese gli appelli per uno stop a questa politica, confermata anche dai brutali metodi di tortura a cui questi cittadini sono sottoposti.

Tra gli ultimi casi, si riportano metodi di violenza e tortura contro due detenuti palestinesi provenienti da Betunia e Nablus. Anche in questo caso la responsabilità ricade sulle Forze della scuezza preventiva (Pps).

Sette palestinesi arrestati dalle forze d'occupazione israeliane

I cittadini palestinesi arrestati dalle forze d'occupazione oggi sono sette.

Una serie di raid presso villaggi e centri palestinesi nella Cisgiordania occupata si sono conclusi con nuovi arresti nelle aree di Nablus e Betlemme.

Fonti d'informazione israeliane non forniscono ulteriori dettagli su identità o motivazioni delle operazioni di arresti, limitandosi a riferire che, attualmente, i sette cittadini palestinesi si troverebbero presso i centri d'interrogatorio dell'intelligente israeliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.