‘Freedom Flotilla 2, missione conforme alle leggi internazionali’. Nuovo comunicato di Ecesg

Bruxelles – InfoPal. La European Campaign to end the siege on Gaza (Ecesg), con sede a Bruxelles, è tornata a dichiarare pubblicamente che “la Freedom Flotilla 2 partirà a maggio per la Striscia di Gaza assediata”.

“Vogliamo rassicurare sulla legalità della missione, in assoluta conformità con le leggi internazionali”, è stato il messaggio che Ecesg ha rivolto al Segretario generale delle Nazioni Unite.

Ramy 'Abdu, membro di Ecesg e tra i fondatori di Freedom Flotilla 2, ha rivelato le mosse del premier israeliano Benjamin Netanyahu, il quale “contattando il Segretario generale Onu, sta tentando di convincerlo della presunta pericolosità della missione, in quanto 'a bordo di Freedom Fotilla 2 potrebbero esserci individui dell'estremismo islamico'”.

A proposito della liceità della missione internazionale, il rappresentante ha ripercorso le esperienze vissute dall'essere umano nella storia delle lotte di liberazione come quella, ad esempio, contro l'Apartheid in Sudafrica.

“Freedom Flotilla 2 sarà una spedizione di carattere umanitario, del tutto pacifica e non ci faremo intimidire dalle minacce israeliane. Quest'anno abbiamo raccolto un numero inaspettato di richieste di adesioni, a dimostrazione che la nostra missione per la rottura dell'illegale assedio israeliano su 1,6 milioni di palestinesi, è pienamente giusta e legale”.

Poi, ridefinendo la composizione di Freedom Flotilla 2, 'Abdu ha chiesto nuovamente ai governi internazionali di garantire la tutela fisica e legale dei propri cittadini che saranno a bordo delle navi.

Articoli correlati:
La propaganda e le minacce d'Israele contro la Freedom Flotilla 2: offensiva diplomatica
Freedom Flotilla 2 e la propaganda israeliana: le dichiarazioni della Ecesg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.