Freedom Flotilla: Commissione d’indagine Turkel si rifiuta di ascoltare gli attivisti britannici

An-Nasira (Nazareth) – Haaretz, InfoPal. Il 31 maggio scorso, gli attivistidi nazionalità britannica, a bordo della Freedom Flotilla, erano oltre 30.

Tra di essi, 29 sono rappresentati dal legale Daniel Machover che oggi interviene a proposito degli ultimi aggiornamenti sull'udienza dei suoi assistiti da parte della Commissione d'indagine israeliana “Turkel”.

Gli attivisti britannici avevano lamentato il fatto che la Commissione israeliana si fosse limitata a chiedere loro informazioni di base – e forse scontate – ovviando così alla possibilità di raccontare la loro esperienza e la violenza di cui furono vittime nel corso dell'attacco dei militari israeliani.

Oggi, il ministro degli Esteri britannico riporta l'ultimatum della Commissione: “Vi sono concessi quattro giorni per mettere insieme le informazioni essenziali”, ma gli attivisti chiedono di incontrare direttamente la Commissione e pongono condizioni precise.

Chiedono che chiunque abbia qualcosa da raccontare in merito agli eventi del 31 maggio sia ascoltato, che le testimonianze siano rese pubbliche e che, qualora la loro istanza venisse accolta e l'incontro dovesse svolgersi in Israele,  spese di viaggio e soggiorno nel paese siano a carico del governo di Israele.

In aggiunta, afferma Machover: “Se Israele non accetterà tali condizioni, verrà alla luce la sua reale volontà a non fare trasparenza e giustizia, ma in questo caso, ad attenderlo ci sarà la Corte penale internazionale”.

Da parte sua, gli addetti della Commissione “Turkel” hanno fatto sapere che l'organismo ha un mandato preciso e l'incarico di ascoltare solo coloro che considera validi per fare chiarezza sugli eventi del 31 maggio 2010.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.