Freedom Flotilla1: nessuna compensazione senza rimozione assedio per i familiari delle vittime

Istanbul – Pal-Info. Nel corso di una conferenza stampa svoltasi lo scorso 7 dicembre, i portavoce dei familiari delle vittime della Freedom Flotilla1 hanno dichiarato che, di fronte a qualunque compensazione da parte israeliana, il dolore per la perdita dei propri cari non potrà essere alleviato.

Quello che hanno chiesto i parenti delle nove vittime turche della Nave Mavi Marmara è la rimozione dell'assedio sulla Striscia di Gaza.

Bülent Yildirim, presidente della Fondazione turca per il soccorso umanitario (Ihh) ha chiesto che i responsabili siano portati davanti alla giustizia.

Ahmed, padre della più giovane vittima della Freedm Flotilla1, Furkan Doğan, personalmente attivo nella campagna di solidarietà per Gaza, ha ammesso che nessuna scusa o compensazione finanziaria potrà essere tenuta separata dalla questione: lo stato di assedio cronico nel quale Israele ha confinato i palestinesi di Gaza.

All'incontro con i giornalisti, martedì scorso erano presenti anche le coniugi di due martiri turchi che insieme hanno ribadito l'urgenza di ritrovarsi in un tribunale e di continuare nella campagna internazionale per la definitiva rottura dell'illegale embargo imposto da Israele sulla Striscia di Gaza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.