Freedom Theatre di Jenin nel mirino dell’esercito israeliano

Nelle ultime sei settimane, il Freedom Theatre di Jenin, che deve ancora riprendersi dall'omicidio irrisolto del co-fondatore e mentore, Juliano Mer-Khamis, avvenuto il 4 aprile, ha affrontato un nuovo ostacolo: l'esercito israeliano.


freedom_theatre

Ingresso del Freedom Theatre nel campo profughi di Jenin


Alle 3:30 di mattina del 27 luglio, i soldati israeliani sono arrivati al Freedom Theatre per arrestare Adnan Naghnaghiye, location manager del teatro, e Bilal Saadi, presidente del consiglio di amministrazione del teatro a Jenin. I soldati hanno lanciato pietre e blocchi di cemento contro l'edificio, mandando in frantumi alcune finestre. Nel comunicato stampa del teatro, la guardia notturna Ahmad Nasser Matahen racconta: “Mi hanno detto di aprire la porta del teatro. Mi hanno detto di alzare le mani e mi hanno costretto a togliere i pantaloni. Pensavo che fosse giunta la mia ora, che mi avrebbero ucciso”. Quando il direttore generale Jacob Gough e il co-fondatore del teatro Jonatan Stanczak sono arrivati in soccorso “sono stati costretti, con una pistola puntata contro, ad accovacciarsi accanto ad una famiglia con quattro figli piccoli e sono stati circondati da circa 50 soldati israeliani armati fino ai denti. Ogni volta che abbiamo cercato di dire loro che stavano attaccando un luogo culturale e arrestando dei membri del teatro “, aggiunge Jonatan – ci hanno detto di stare zitti e hanno minacciato di picchiarci, ho cercato di contattare l'amministrazione civile delle forze armate per chiarire la questione, ma il responsabile mi ha buttato giù il telefono”.

Adnan e Bilal sono stati detenuti senza accuse per quasi un mese, è stato loro negato l'accesso ad un avvocato per oltre due settimane, e sono stati sottoposti a percosse e privazione del sonno, e tutto questo è stato giustificato come parte di una presunta indagine sull'omicidio di Juliano Mer-Khamis.

Poi, il 6 agosto, Rami Awni Hwayel, uno studente di recitazione di 20 anni, che attualmente ha un ruolo di protagonista nell'adattamento dello spettacolo teatrale “Aspettando Godot” è stato ammanettato, bendato e portato via dall'esercito israeliano quando si trovava presso il checkpoint di Shave Shomeron tra Nablus e Jenin. Anche se l'esercito sapeva che Rami non aveva nulla a che fare con l'omicidio Juliano, è stato detenuto per un mese in attesa di una confessione, estratta durante un interrogatorio, che aveva cercato lavoro illegalmente in Israele per 10 giorni, molti anni fa. In una lettera all'ambasciata israeliana a Londra, Jacob Gough racconta come in udienza il 17 agosto, il giudice militare “ha dichiarato che la polizia e l'esercito hanno sbagliato ad aver preso Rami e ad aver sprecato del tempo per lui perchè Rami non aveva nessun legame con l'omicidio di Juliano. Tuttavia, in quello che sembra solo essere un tentativo di 'salvare la faccia', le autorità israeliane stanno cercando di imprigionarlo con l'accusa sopracitata”. L'esercito di solito punisce gli autori di questo 'crimine' inviandoli al di là del confine; per Rami, che, come Adnan e Bilal, è stato inizialmente tenuto per oltre due settimane senza un avvocato, ora sarà ancora più difficile di quanto lo è per un residente del campo profughi di Jenin, procurarsi un visto per il tournée americana di “Aspettando Godot” in America a settembre.
Infine, alle 2 di mattina del 22 agosto, l'esercito israeliano è entrato a Jenin, ha circondato il Teatro ed è entrato nella casa della famiglia Nagnaghiye, dove ha picchiato e arrestato Mohammed, guardia di sicurezza del teatro e fratello di Adnan. I soldati hanno anche saccheggiato e devastato tutti i tre piani della casa della famiglia Nagnaghiye: “I mobili sono stato gettati a terra e rotti, e abbiamo trovato anche escrementi di cane sul pavimento. L'esercito ha anche arrestato altri tre residenti del campo, la notte stessa. “

Il motivo dichiarato per tutti questi arresti è un'indagine israeliana sull'omicidio irrisolto di Juliano Mer-Khamis. Tuttavia, in un'intervista rilasciata il 3 settembre, Jacob Gough dichiara che “inizialmente [l'esercito] ha fornito le solite giustificazioni senza fondamento, come ad esempio che 'stanno agendo per la sicurezza della regione'. Abbiamo poi scoperto che stanno presumibilmente facendo un'indagine sull'omicidio di Juliano. Ma per me fare indagini non significa rapire e maltrattare delle persone, privarle del sonno – non hanno dormito per una settimana –  e costringerle a confessare. Loro le indagini le fanno così. Questa non è un'indagine, è cercare di dare la colpa a qualcuno”.
Infatti, Jacob racconta in una lettera aperta all'apparato di sicurezza israeliano che “in ognuna delle udienze di [Bilal] in tribunale, quando i servizi di sicurezza israeliani hanno chiesto una proroga della detenzione, è stato notato nei documenti del tribunale che le informazioni relative all'omicidio di Juliano sono state acquisite durante l'interrogatorio “, e che “domenica 14 Agosto Adnan era in tribunale per un ulteriore allungamento della detenzione, [e] il giudice ha dato ai servizi di sicurezza altri 8 giorni, ma ha dichiarato che avevano bisogno di finire l'interrogatorio in quanto non avevano acquisito informazioni sufficienti durante questa fase”.

Inoltre, il trattamento disumano inflitto ai detenuti mette in dubbio le reali motivazioni dell'esercito israeliano. Il 22 agosto, lo stesso giorno in cui Mohammed Nagnaghiye è stato preso, i due uomini arrestati il 27 luglio – Adnan, il fratello di Mohammed e Bilal-Saadi – sono stati rilasciati senza accuse presentate contro di loro. Nella lettera aperta all'ambasciata israeliana, Jacob racconta che “finalmente dopo 2 settimane all'avvocato di Bilal è stato consentito di vederlo … lui gli ha detto che lo avevano trattato in modo 'inumano'. Per ora sappiamo solo che stavano usando tecniche di disorientamento (non aveva idea se era notte o giorno) e dopo averlo ammanettato facendogli molto male e dopo avergli impedito di mangiare per molto tempo, gli hanno poi messo il cibo davanti, ma ovviamente non era possibile per lui mangiare con dignità “. Adnan ha subito “più o meno lo stesso trattamento di Bilal, ma ha trascorso 16 giorni senza poter vedere un avvocato”.
Israele sembra che voglia deliberatamente impedire la libertà di movimento degli attori del Freedom Theatre dentro e fuori la Cisgiordania. Nella nostra intervista sabato scorso al Teatro, Jacob ha raccontato che i membri della compagnia teatrale di Rami, che in settembre hanno in programma una tournée americana di “ Aspettando Godot”, “hanno tutti dovuto avere incontri con il consolato americano per ottenere il visto. Il consolato americano non c'è in Cisgiordania, così questi studenti devono andare a Gerusalemme e in Giordania. Andare a Gerusalemme è molto più facile. In passato questi studenti non hanno mai avuto problemi ad andare a Gerusalemme, ma improvvisamente nessuno può più andare. Nessuno di questi ragazzi può andare, sono tutti percepiti come una minaccia per la sicurezza”. In una intervista telefonica del 5 settembre, Jacob ha ribadito che” non vi è alcun dubbio nella mia mente che tutto questo sia legato [agli arresti dell'esercito] … e tutto si è verificato esattamente nello stesso momento… [questa è] un'altra parte della repressione dell'esercito israeliano. Sono sicuro che tutto sia collegato. “

DSCN2046

Scena del nuovo spettacolo “Aspettando Godot” (foto: Marta Fortunato)


Nel campo profughi di Jenin ” c'è paura, paura di essere associati con il teatro, [perché] sono state uccise delle persone, e tante sono state arrestate…”. Ma la paura sembra essere un fattore comune su entrambi i lati dell'equazione. “Dopo la morte di Juliano”, Jacob spiega, “abbiamo visto quanto sostegno ha il Freedom Theatre nel mondo, e non solo da parte delle persone. Ma anche da parte di politici, di organizzazioni, dei media, nonché … [una] delle cose più pericolose per Israele è mostrare quanto lontano può arrivare il messaggio di associazioni come il Freedom Theatre  … abbiamo ospitato i sindacati degli attori in Gran Bretagna, i sindacati degli attori di America, Francia, Germania, il Parlamento di Gran Bretagna, Francia, Germania, Svezia; i membri del  Congresso  americano, molte persone che hanno telefonato alle ambasciate israeliane e hanno inviato delle lettere, per sapere quello che stava avvenendo, e che cosa stavamo facendo al Freedom Theatre. Le ambasciate di Israele hanno inviato delle  risposte, che non ho mai visto prima! Non ho mai visto la risposta dell'ambasciata israeliana a questo tipo di lettere… non è importante”.

Il 1 ° agosto, il Segretario Generale di Equity, il sindacato che rappresenta 36.500 artisti e attori con sede nel Regno Unito ha scritto all'ambasciata israeliana a Londra per chiedere perché il location manager del Freedom Theatre, Adnan Naghnaghiye, e il membro del Consiglio Bilal Saadi “ sono attualmente detenuti in seguito ad un attacco contro il teatro”. La lettera conclude: “Come organizzazione che si batte per la libertà di espressione, siamo ovviamente molto in difficoltà su questi report. Vi esorto pertanto ad assicurarvi che le persone interessate vengano rilasciate immediatamente e che vengano riportate incolumi a Jenin “.
Due settimane dopo, il 16 agosto, Equity ha ricevuto una risposta dall'ambasciata israeliana. Citando l'assassinio di Mer-Khamis, la lettera afferma che “le autorità hanno iniziato indagini profonde ed accurate che hanno portato all'arresto di cui avete parlato nella vostra lettera. Anche se siamo consapevoli dei danni alla proprietà che sono stati causati durante l'arresto, non è stato intenzionale “.

Nella sua lettera aperta all'ambasciata israeliana, Jacob risponde che “anche se è positivo che l'ambasciatore abbia ammesso il danno causato al teatro, dire che il lancio di pietre contro le finestre non è stato intenzionale, non è solo sbagliato, ma è anche una bugia”. Un errore ancora più evidente da parte dell'ambasciata israeliana, è quello di aver ignorato il reclamo di Equity per quanto riguarda gli arresti di Adnan e Bilal, e di aver invece parlato dell'arresto di Rami, che non è stato nemmeno menzionato nella lettera di Equity e che non aveva nulla a che fare con 'danni alla proprietà' del teatro, perché è avvenuto lontano dal teatro! Attraverso questa mossa strategica, l'Ambasciata cerca di distogliere l'attenzione dal maltrattamento compiuto dall'esercito contro Adnan e Bilal, ponendo l'attenzione sul fatto che “[Rami] è coinvolto in una serie di altri crimini irrisolti” –  i crimini atroci riguardano l'attraversamento della Linea Verde per portare un po' di soldi nel suo campo profughi sempre più povero.
Non si sa ancora se Rami e suoi compagni di classe saranno in grado di fare la tournée americana di ”Aspettando Godot”  a settembre; “la speranza”, dice Jacob nella sua risposta all'Ambasciata, “è di riuscire ad ottenere delle offerte di borse di studio per continuare la loro formazione, una rara opportunità e un raggio di luce per questi giovani che hanno trascorso tutta la loro vita sotto occupazione … tutta questa farsa di un procedimento giudiziario fa sì che questo viaggio per [Rami] sia in forse e ciò costituisce un ulteriore  tentativo di minare il lavoro del Freedom Theatre, che, a parer mio, sembra essere il vero obiettivo delle autorità israeliane rispetto a quello di fare un'indagine reale sull'omicidio del nostro amico e capo, Juliano Mer Khamis. “

Juliano, quando fondò il Freedom theatre a Jenin nel 2006, sperava di utilizzare gli spettacoli e l'arte per far conoscere al mondo il popolo palestinese, la sua vibrante cultura creativa e la sua identità. Nell'aprile 2006, quattro anni dopo la battaglia di Jenin, in cui fu distrutto il 15-20% delle infrastrutture del campo da parte dell'esercito israeliano, Mer-Khamis ha dichiarato durante un'intervista con lo scrittore Arthur Nelsen a Londra che “a Jenin – soprattutto a Jenin – qualcosa sta accadendo, nel senso buono della parola, c'è un discorso universalista, un evento internazionale … una campagna internazionale attorno ad un nuovo tipo di resistenza … noi vogliamo essere parte di questa terza Intifada che è in corso e che speriamo porterà almeno persone all'interno del campo di Jenin verso un tipo di resistenza non violenta, culturale ed internazionale”.
La speranza del Freedom Theatre è che, dopo la violenta repressione delle prime due Intifada, una rivoluzione vittoriosa palestinese oggi possa  rivitalizzare la cultura e l'identità palestinese  e possa ispirare il riconoscimento internazionale non solo di uno stato palestinese ma in primo luogo di un popolo palestinese. Il 4 aprile 2005, un anno prima della fondazione del Freedom Theatre, Juliano ha detto: “Siamo di fronte alla fine della distruzione del popolo palestinese da parte delle forze israeliane. Siamo in una situazione in cui oggi vengono distrutte non solo le infrastrutture politiche ed economiche , gli israeliani stanno distruggendo il sistema neurologico della società, che è cultura, identità, comunicazione. Crediamo che la creazione di un progetto che si occuperà delle arti, di cinema, di teatro, di attività multimediali, di computer, di siti web, sia il modo migliore per combattere questa decostruzione dell'identità dei palestinesi. Israele sta spingendo indietro il popolo palestinese all'età della pietra … comunicare con il mondo esterno, coinvolgere persone dal mondo esterno, abbattere il muro, se non fisicamente, metaforicamente, sta creando motivi di speranza. Possiamo creare le basi così la gente può costruire la speranza, e questo è il nostro compito oggi, per creare le basi per questi bambini “.
Di fronte alle vessazioni dell'esercito israeliano, il Freedom Theatre di Jenin ha ricevuto moltissimo sostegno, sia a livello internazionale sia all'interno della Palestina. Oltre all'appassionata campagna di lettere, ha ricevuto molte donazioni dall'estero per sostenere le crescenti spese legali.

Inoltre, eventi più recenti indicano che, in risposta alle pressioni internazionali, l'esercito sta diminuendo la repressione sul teatro. Nagnaghiye Mohammed, arrestato il 22 agosto, ha ricevuto un'estensione di 15 giorni del suo arresto il 29, ma è stato poi inaspettatamente rilasciato il 3 settembre. Egli non ha segnalato alcun abuso per mano dell'esercito, e gli è stato presto consentito di parlare con un avvocato. Inoltre, a due tecnici del teatro, Mohammed Saadi e Ahmad Matahen, e ad uno studente di recitazione, Momeen Syatat, è stato detto di presentarsi alla base militare Salem, fuori Jenin entro il 1° settembre. Il teatro ha scritto sul suo sito web, “camminare verso le braccia del servizio di sicurezza israeliano molto spesso significa scomparire dalla superficie della terra, senza sapere quando si tornerà e sapendo che si sta certamente affrontando un trattamento duro. Chiediamo che Mohammed, Ahmad, e Momeen siano sottoposti allo stesso trattamento di qualsiasi cittadino israeliano costretto a sottoporsi ad una indagine criminale civile. I loro diritti legali, come previsto dalla legge internazionale, devono essere rispettati”.
Fortunatamente, a tutti e tre i residenti del campo profughi di Jenin sono state semplicemente rivolte alcune domande, e poi sono stati rilasciati. Al telefono il 4 settembre, Jacob ha affermato che “la pressione fatta dal teatro e dai nostri amici in tutto il mondo sembra aver fatto la differenza. Altrimenti l'esercito si sarebbe comportato nel solito modo…I soldati hanno anche detto ad alcuni dei ragazzi 'ci piace il Freedom Theatre, sosteniamo le attività del Freedom Theatre!' “.
Infatti, nei momenti strategici Israele finge di sostenere il Freedom Theatre. Juliano era, dopo tutto, un cittadino israeliano e un noto attore israeliano; inoltre, un gesto simbolico di buona volontà verso l'iniziativa palestinese rafforza l'immagine pubblica di Israele. In risposta alla lettera di Equity, l'ambasciata israeliana a Londra ha parlato di come “il signor Juliano Mer-Khamis, direttore del teatro, è stato ucciso nella sua auto da terroristi mascherati … Mr. Mer-Khamis … insegnava un'alternativa alla violenza ai giovani di Jenin … dopo la sua morte, le autorità israeliane si sono prese la responsabilità di risolvere il caso e di portare i suoi assassini in tribunale”. Nella sua risposta all'ambasciata, però, Jacob risponde che “come non vi è alcuna prova di chi abbia commesso questo attacco, è piuttosto presuntuoso da parte dell'ambasciata d'Israele dire che è stato un palestinese. Allo stesso modo noi non elaboriamo teorie secondo le quali potrebbe essere stato un israeliano… Juliano … [figlio di una madre israeliana e padre palestinese] era un simbolo della cooperazione ed è servito a dimostrare che ebrei e israeliani possano vivere e lavorare con i palestinesi, cosa che molti sionisti di estrema destra non vorrebbero vedere …”

Inoltre, anche se ha insegnato alternative alla violenza, Juliano non ha mai provato ad insegnare alternative alla resistenza, per tutta la sua vita si è sempre opposto all'occupazione israeliana della Palestina. Come ha detto nel 2006, poco dopo la fondazione del Teatro, “Quello che [sto] facendo nel teatro non è cercare di essere un sostituto o un'alternativa alla resistenza dei palestinesi nella lotta per la liberazione. Proprio il contrario. Questo deve essere chiaro … Ci stiamo unendo, con tutti i mezzi, alla lotta per la liberazione del popolo palestinese, che è la nostra lotta di liberazione “.

Questo è l'impegno per la resistenza che spinge Israele a reprimere il Freedom Theatre. Tuttavia l'attività del teatro continua, nel ricordo di Juliano, per sostenere la lotta per la rivitalizzazione del popolo palestinese. Rimane da vedere se i poteri di Israele continueranno a impedirne il suo sviluppo.


Fonte: http://www.alternativenews.org/italiano/index.php/topics/news/3145-freedom-theatre-nel-mirino-delleserci


Tradotto in italiano dall'Alternative Information Center

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.