Galloway: ‘Altri convogli di aiuti sono attesi da Venezuela, Malaysia e Sudafrica’.


Gaza. Il parlamentare britannico George Galloway ha dichiarato oggi a Gaza che altri convogli di aiuti diretti alla Striscia sotto assedio saranno organizzati dal Venezuela, dalla Malaysia e dal Sudafrica.

Parlando ai microfoni di “Al-Jazeera” mercoledì 6 gennaio ha affermato che i presidenti di Venezuela e Sudafrica guideranno i convogli dei loro Paesi, mentre l’ex primo ministro della Malaysia Mahatir Mohammad guiderà quello proveniente dal Paese del sud-est asiatico.

Galloway denuncia il comportamento delle autorità egiziane, che a el-Arish hanno aggredito alcuni membri della carovana “Lifeline 3” solo perché portavano cibo e medicinali alla gente assediata di Gaza.

Le autorità egiziane hanno promesso di concedere al convoglio di entrare a Gaza da el-Arish, ma non hanno dato seguito alle loro promesse, anzi, afferma Galloway, “ci hanno assediati, blindati, traditi”.

Galloway descrive gli incidenti di el-Arish come “una vergogna per l’Egitto”, poiché l’80% degli egiziani non approva il modo in cui è stata trattata questa carovana di aiuti.

E ha anche ricordato che altre carovane sono state trattate in maniera simile, poiché l’Egitto svolge il ruolo di chi semina zizzania nel mondo arabo.

Galloway ha anche descritto le dichiarazioni del portavoce del Ministero degli Esteri egiziano Husam Zaki secondo cui i membri della carovana non hanno seguito le istruzioni fornite dall’Egitto come “palesi menzogne”.

Notizie correlate:

Il convoglio Lifeline 3 è entrato nella Striscia di Gaza.

L'Egitto ha autorizzato il transito di 'Lifeline3' verso la Striscia, ma senza le vetture contestate.

Confine tra Striscia di Gaza e Egitto: scontri tra palestinesi e forze egiziane.

Agenti anti-sommossa e idranti contro il Convoglio Lifeline. Feriti 40 attivisti.

Mediazione turca per facilitare il passaggio di 'Lifeline' da al-Arish alla Striscia di Gaza.

Organizzazioni europee invitano a manifestare davanti alle ambasciate egiziane contro l'aggressione del convoglio 'Life Line 3'.

Lifeline -3 è a el-Arish in attesa di entrare a Gaza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.