Galloway: necessari altri aiuti per Gaza

Il membro del Parlamento britannico George Galloway ha assicurato in un’intervista che i convogli umanitari continueranno a fornire il proprio sostegno alla Striscia di Gaza accerchiata.

 

L’intervista è stata pubblicata ieri dal giornale egiziano al-Anwar. In essa, Galloway ha affermato che la campagna popolare americana che ha recentemente raggiunto Gaza è stata la più grande della storia degli Stati Uniti a favore del popolo della città costiera palestinese.

Il politico scozzese ha quindi ricordato che le navi dei convogli da lui organizzati in passato consistevano principalmente in attrezzature mediche e farmaci, e ha aggiunto che vi è ancora bisogno di rifornire gli abitanti di carburante, materiale edilizio e altri beni necessari alla sopravvivenza.

Galloway ha quindi invitato i paesi arabi ad agire a livello sia ufficiale che popolare per rimettere in piedi la Palestina occupata, criticando il loro silenzio e la loro mancanza di sincerità. Secondo lui, infatti, la maggior parte degli arabi non sarebbe seriamente impegnata a favore della liberazione della Palestina, mentre la Resistenza contro l’occupazione rappresenterebbe una pratica del tutto normale, che richiamerebbe la Guerra d’Indipendenza americana e la battaglia del Sud Africa contro il colonialismo.

Il parlamentare ha quindi concluso definendo “razzista” l’idea che Israele debba diventare uno stato per soli ebrei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.