Gaza: appello per un'azione immediata.

Riceviamo e pubblichiamo.

GAZA: APPELLO PER UN’AZIONE IMMEDIATA

Il Comitato Israeliano contro la Demolizione delle Case (ICHAD – Israeli
Committee Against House Demolitions) condanna la decisione unilaterale
del Governo Israeliano di imporre sanzioni sulle forniture alla
popolazione civile di Gaza, di elettricità, carburante e altri beni e
servizi primari e chiede alla Comunità Internazionale di impegnarsi
perché impedisca che questo crimine contro l’umanità sia portato avanti.
Di fatto, le motivazioni addotte dallo Stato di Israele per condurre
quest’atto immorale e illegale – dichiarando Gaza "un’entità ostile
all’interno di un conflitto a bassa intensità " – non hanno nessun
riscontro nel diritto internazionale, che al contrario proibisce in modo
esplicito le punizioni collettive di un’intera popolazione civile.

Ci appelliamo al Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-Moon
perché convochi urgentemente il Consiglio di Sicurezza dell’ONU e
dichiari al Governo Israeliano che tale atto è totalmente inaccettabile
e occorre mettervi fine.
Chiediamo a tutti i governi del mondo, ed in particolare al Governo
degli Stati Uniti e al Parlamento Europeo, di condannare questa
decisione, soprattutto alla luce dei recenti tentativi di rilancio
dell’azione diplomatica.

Chiediamo ai leader religiosi di tutto il mondo di condannare questa
evidente violazione dei diritti umani e l’inaccettabile attacco alla
dignità e alla vita umana, ancor più gravi dal momento che hanno luogo
in concomitanza con la festività religiosa del Ramadan. Come Israeliani,
in maggior parte Ebrei, chiediamo ai leader religiosi ebraici di
dichiararsi inequivocabilmente contrari a questa violazione dei valori
ebraici alla vigilia dello Yom Kippur.

E ci appelliamo ai popoli di tutto il mondo perché comunichino ai propri
funzionari e leader il loro rifiuto verso quest’atto crudele, illegale e
immorale – un atto che si distingue per la sua crudeltà anche nella già
oppressiva occupazione israeliana. L’ICHAD condanna gli attacchi contro
tutti i civili, siano essi israeliani o palestinesi. Le violazioni del
diritto internazionale da parte dei governi, colpendo milioni di
persone, sono in ogni caso estremamente gravi e vanno denunciate.

La decisione israeliana di punire la popolazione civile di Gaza, con
tutte le sofferenze che comporta, rappresenta un esempio di terrorismo
di stato contro persone innocenti. Una pace giusta in Medioriente sarà
possibile solo quando il Governo Israeliano sara’ ritenuto responsabile
per queste azioni e quando sarà garantito il rispetto del diritto
internazionale.

ICHAD (Israeli Committee Against House Demolitions) – www.icahd.org/eng/
Traduzione a cura dell’Associazione per la Pace

Palestina News – voce di ISM (International Solidarity Movement) Italia http://www.ism-italia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.