Gaza, il punto più basso degli ultimi quarant'anni.

Gaza, il punto più basso degli ultimi quarant’anni

di Carlo M. Miele
Osservatorio Iraq, 6 marzo 2008

Le condizioni di vita in cui versano i palestinesi della striscia di
Gaza sono le peggiori da quando ha avuto inizio l’occupazione
israeliana nel 1967.

A sostenerlo sono otto organizzazioni non governative britanniche –
tra cui Amnesty International e Oxfam e Save the Children – che oggi
hanno pubblicato un rapporto congiunto in cui chiedono l’immediata
revoca dell’embargo imposto da Israele lo scorso 17 gennaio e
l’apertura del dialogo con il movimento islamico Hamas, che controlla
il territorio dal giugno scorso.

"La situazione di un milione e mezzo di palestinesi della striscia di
Gaza è la peggiore dall’inizio dell’occupazione militare israeliana
del 1967", affermano le ong, ricordando che, in questo momento, l’80
per cento della popolazione palestinese dipende da aiuti alimentari e
che la disoccupazione è arrivata al 40 per cento.

Lo stato di cose è anche peggiorato a partire dalla scorsa settimana,
quando l’esercito israeliano ha lanciato un pesante attacco via terra
nel nord della Striscia che ha causato più di un centinaio di morti,
tra cui una metà di civili.

Per questa ragione – continua il rapporto – va subito tolto l’embargo
contro la Striscia, che secondo Tel Aviv è volto a fermare il lancio
di missili qassam contro le città israeliane, ma che di fatto si è
trasformato in "una punizione collettiva illegale".

"Se il blocco non viene tolto subito, sarà impossibile tirare fuori
Gaza dal disastro e ogni speranza di pace nella regione verrà
vanificata", ha dichiarato Geoffrey Tennis di Care International, una
delle ong che hanno sottoscritto il rapporto.

Israele ha ritirato le sue truppe e i coloni dalla Striscia nel 2005,
ma controlla ancora lo spazio aereo e marittimo, oltre che i passaggi
di frontiera lungo il suo confine terrestre. Per questo – dichiarano
le ong –resta forza occupante e mantiene i suoi obblighi nei confronti
della popolazione dell’enclave palestinese, a partire dalla garanzia
dell’accesso al cibo, all’acqua potabile, all’elettricità e alle cure
mediche.

La via d’uscita, secondo il rapporto, sta nell’apertura di negoziati
che includano tutte le parti coinvolte, compresa Hamas, considerata
"organizzazione terroristica" da Israele, Stati Uniti e Unione europea.

Colpa dei palestinesi

Al rapporto delle ong ha risposto subito il ministero degli Esteri
israeliano, affermando che le critiche andrebbero mosse ad Hamas
piuttosto che allo Stato ebraico.

"Sfortunatamente – si legge in una nota del ministero – non è la prima
volta che queste organizzazioni non tengono conto della realtà e della
sequenza di eventi che ha portato al deterioramento della situazione
nelle regioni sud di Israele così come nella Striscia di Gaza".

Secondo il governo di Tel Aviv, la responsabilità dell’attuale
situazione nella Striscia va attribuita agli stessi palestinesi che,
"se solo cessassero i loro insensati e indiscriminati tiri di razzi e
missili contro centinaia di migliaia di civili israeliani",
consentirebbero di tornare "a una normalità tale da permettere a
israeliani e palestinesi di godere la loro vita quotidiana".

http://www.osservatorioiraq.it/modules.php?name=News&file=article&sid=5553

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.