Gaza: ministro della Giustizia richiama l’Onu su rapporto Goldstone

Gaza – Pal-Info. Il ministro della Giustizia di Gaza, Muhammad Faraj al-Ghul, ha scritto una lettera al Segretario generale dell'Onu Ban Ki-Moon, al presidente del Consiglio dell'Onu per i Diritti umani e al presidente dell'Alta commissione del Consiglio stesso nei Territori Palestinesi, rivelando a tutti gli ultimi sviluppi del rapporto Goldstone.

Nonostante l'impegno del governo palestinese a seguire le raccomandazioni del report, e sebbene una commissione indipendente destinata ad attuarle abbia inoltrato rapporti e adempiuto ai suoi obblighi conformemente a quanto raccomandato dal Consiglio per i Diritti umani, le autorità di Gaza non hanno ancora ricevuto risposte o commenti”, scrive al-Ghul nel suo messaggio.

Le rimostranze si riferiscono alla commissione investigativa presieduta dal giudice sudafricano Richard Goldstone e incaricata dall'Onu d'indagare sulla Guerra di Gaza del 2008-2009. Il risultato fu la stesura di un rapporto, nel quale si raccomandava che sia Israele che i palestinesi avviassero delle pubbliche inchieste sulle violazioni della legge internazionale commesse durante il conflitto.

A questo proposito, al-Ghul ha accolto l'arrivo nei Territori Palestinesi del commissario del Consiglio per i Diritti umani Navanethem Pillay, elogiandola per la sua profonda conoscenza della questione palestinese e per i report da lei pubblicati sulle violazioni israeliane.

Un'assemblea di 13 gruppi umanitari palestinesi e di altre associazioni israeliane ha quindi chiesto collettivamente a Pillay di aggiornare il rapporto Goldstone e di rivelare pubblicamente le raccomandazioni di quest'ultimo, di fronte al fallimento della comunità internazionale nel fare giustizia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.