Gaza non riesce più a seppellire i morti: mancano i materiali per i funerali.

Gaza non riesce più a seppellire i morti: i materiali per la sepoltura sono terminati e la chiusura dei valichi non permette di acquistarne dall’esterno.

I cadaveri rimangono insepolti: non ci sono tessuti per rivestire loro e le bare, né cemento. Ciò che rimaneva è stato adoperato per altre urgenze. 

"Un disastro umanitario causato dalla chiusura dei valichi", avverte il ministro del Waqf del governo di Gaza, Yousif Al-Mansi.

Il prezzo del cemento è lievitato da 20 NIS (1 shekel=0,24 dollari) a 100.

C’è carenza anche di pietre per le lapidi e i palestinesi sono costretti a usare coperture di lamiera, con tutti i problemi igienico-sanitari che si possono ben immaginare. Sono terminate anche i teli per i lenzuoli funebri.

(Fonte: Maan News)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.