Gaza: rischio di catastrofe umanitaria per carenza di gasolio. L’appello del ministero della Salute

Gaza – InfoPal. Il ministero della Salute della Striscia di Gaza ha lanciato l'allarme sulla grave carenza di gasolio necessario per il funzionamento dei generatori di ospedali e cliniche locali.

“La carenza ha raggiunto il 65%”, hanno dichiarato dall'ufficio del ministero, definendo l'attuale condizione di Gaza “a rischio di una catastrofe umanitaria”.

Il direttore generale degli affari amministrativi e finanziari del ministero, Mousa as-Simak, ha tradotto la percentuale esposta dal ministro in “capacità”: “A causa della mancanza di gasolio, il ministero è costretto ad operare dei tagli all'erogazione di elettricità, fino a otto ore al giorno. Con queste interruzioni, le nostre strutture possono ricevere 6.500 litri al giorno e 200mila al mese”.

L'appello ad intervenire è stato rivolto a “tutte le parti competenti nel mondo. E oggi più che mai all'Egitto, impegnato ad aprire in modo permanente il valico di Rafah, perché si permetta la regolare fornitura di carburante e la garanzia al diritto alla salute e alla vita dei pazienti palestinesi di Gaza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.