Gaza: sit-in dei giornalisti contro gli attacchi ai colleghi in Cisgiordania

Gaza – Speciale InfoPal. Numerosi giornalisti e altri professionisti dell'informazione si sono ritrovati ieri, 10 gennaio, a Gaza City in un sit-in di protesta per chiedere la liberazione del collega 'Amer Abu 'Arafah, corrispondente dell'Agenzia Stampa “Shibah”, detenuto dai servizi di sicurezza dell'Autorità nazionale palestinese (Anp) in Cisgiordania.

Sugli striscioni dei giornalisti si sono lette la condanna agli assalti alla libertà d'informazione e l'esplicita richiesta di rilascio, rivolta al governo di Ramallah.

Rimah Mubarak, direttore dell'Agenzia di cui è dipendente il giornalista detenuto, ha dichiarato: “Abu 'Arafah sta pagando con la detenzione per aver fatto il proprio dovere ricoprendo i fatti sul campo e facendolo anche in modo del tutto professionale e neutrale”.

Mubarak ha anche aggiunto che le violazioni ai giornalisti in Cisgiordania hanno registrato un'impennata proprio da quando le divisioni politiche palestinese si sono acuite.

Khalil Abu Shamalah, direttore del centro per i diritti umani “ad-Damir”, ha confermato la tesi di Mubarak segnando, da parte sua, una data precisa, quale il 2007, come inizio di una politica di arresti dei professionisti dell'informazione su base continuativa. Shamalah è poi intervenuto appellandosi personalmente al presidente dell'Anp, per porre fine a queste pratiche.

Arrestato alcune settimane fa, Abu 'Arafah sarebbe stato vittima di abusi da parte degli ufficiali di sicurezza dell'Anp, secondo quanto ha riferito Mubarak.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.